Connect with us

Focus

Daniele Federici, l’onestà di un uomo che il sistema dovrebbe prendere come esempio

Pubblicato

|

FROSINONE, 8 LUGLIO – Certe volte l’onestà viene prima di qualunque cosa. E certe volte l’orgoglio, la testardaggine e il non voler ammettere un qualcosa di evidente vengono messi inevitabilmente in secondo piano, riposti in un angolino. L’onestà è un valore molto importante nella vita di un uomo, una caratteristica distintiva per cui andare molto fieri. E da ieri anche Daniele Federici da Tarquinia ha un motivo in più per essere orgoglioso di sè stesso.

Il centrocampista del Frosinone ha preso nelle scorse ore la decisione di appendere le scarpe al chiodo. Fin qui nulla di strano, se non che Federici abbia soltanto ventiquattro anni. La scelta del giovane è dipesa da un infortunio alla schiena che lo sta perseguitando da diverse stagioni. Negli scorsi campionati con il Grosseto il suo utilizzo è avvenuto con il contagocce proprio per i problemi fisici pungenti e continui che lo hanno tartassato per diversi mesi. Da gennaio dello scorso anno il calciatore viterbese si trasferisce a Frosinone in Lega Pro dove disputa sei ottimi mesi nel centrocampo ciociaro.

“Ho gravi problemi alla schiena, potrei all’improvviso bloccarmi per molti mesi. Il mondo del calcio è diventato uno schifo, io sono sempre stato leale e perciò non mi sembra giusto rubare lo stipendio”. Parole sagge di un giocatore che dimostra una maturità mentale notevole nonostante la giovane età. Oramai il nostro mondo calcistico è dilaniato da scommesse, mazzette e “patti non scritti” e sembra perfino che non ci sia più spazio per persone pulite e leali come questo onesto mestierante.

Il sogno di ogni bambino è quello di diventare un calciatore: Daniele ci è riuscito, ma per cause di forza maggiore dovrà ora rinunciare a questo sogno. Non deve essere una decisione semplice da prendere, ma un grande passo per diventare uomini è proprio ammettere a sè stessi che quando non si può più cambiare una situazione, si deve voltare pagina e andare avanti. E con tutta la disonestà che sta affiorando dall’interno del mondo del calcio, molti addetti ai lavori dovranno segnarsi bene questo nome: Daniele Federici. Un uomo leale e un esempio da seguire.

 A cura di Nicolò Bonazzi

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending