Antonio Casu
No Comments

Karel Jansen è il nuovo allenatore del Milan?

L'agente di Van Ginkel sbotta e chiede ad alta voce che il suo assistito giochi di più. Il tecnico non è più Inzaghi?

Karel Jansen è il nuovo allenatore del Milan?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Abbiamo già messo in chiaro con la società che non erano queste le intenzioni quando Marco è arrivato in prestito, non c’era bisogno che il ragazzo andasse in Italia per non far nulla. Potevo capire questo trattamento se Van Ginkel fosse stato scarso, ma uno come lui farebbe comodissimo a questo Milan!“. Doppio amministratore delegato prima, doppio allenatore ora? È solo una provocazione, ma le frasi pronunciate nelle ultime ore da Karel Jansen , agente di Marco Van Ginkel, mettono in discussione l’operato di Filippo Inzaghi, tecnico del Milan, e della dirigenza rossonera. Chiedere più spazio per un proprio assistito è lecito ed è il lavoro di ogni procuratore, ma farlo pubblicamente e in modo così pesante è da bulletti arroganti.

Van Ginkel è un nuovo giocatore del Milan

Marco Van Ginkel, centrocampista del Milan

LE VALUTAZIONI DI INZAGHI – Il lavoro dell’allenatore è duro e in perenne equilibrio precario. È una questione di risultati sportivi e interessi extrasportivi. Mettere d’accordo tutti è difficile, quasi impossibile. Ne sa qualcosa Inzaghi, che, visto il minutaggio striminzito offerto finora all’olandese (trenta minuti nella sfida tra Empoli e Milan), evidentemente non ritiene il giocatore utile alla causa. Almeno per ora. Una valutazione lecita, che rientra negli oneri e negli obblighi di un buon allenatore. Non sono solo il nome di un calciatore ed il suo pedigree a decretarne il valore effettivo. Il centrocampista è sbarcato a Milano a fine mercato e sarebbe dovuto essere il sostituto ideale dell’infortunato Montolivo. Inzaghi gli ha preferito invece i vari De Jong, Poli, Muntari, Essien e persino Bonaventura, adattato (con buoni esiti) come mezzala. Lecito, specie se si considerano i risultati discreti ottenuti fin qui dal Milan e l’infortunio che ha tenuto Van Ginkel lontano dai campi per diverse settimane.

NON È UNA QUESTIONE ECONOMICA  – A questo punto appare difficile che il centrocampista possa rimanere al Milan dopo gennaio. Tornerà al Chelsea, squadra che l’ha scaricato pochi mesi fa, e poi andrà chissà dove. Al momento non è dato saperlo. Il Milan perderà 400mila euro ( i 200mila versati per il prestito oneroso più altri 20omila se Van Ginkel non giocherà almeno venti partite). La valutazione di Inzaghi non è quindi dettata da interessi economici. Il campionato italiano, sempre più vetrina per giovani talenti (possibilmente stranieri) e sempre meno palcoscenico prestigioso, non perderà un fenomeno, ma un procuratore arrogante sì. Se questo significa credere in un progetto…

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *