Giuseppe Folchini
No Comments

Lega Sud, l’ “in fondo a destra” della politica italiana

Matteo Salvini mette in naftalina Bossi e la Lega. Pronto a fondare un Front National italiano, xenofobo e anti euro

Lega Sud, l’ “in fondo a destra” della politica italiana
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

 

Salvini: manifestazione della destra leghista

Salvini: manifestazione della destra leghista

LEGA SUD- Effettivamente se ne sentiva proprio il bisogno, soprattutto a destra.  Chi di noi in questi giorni,  non ha mai desiderato ardentemente di avere finalmente un nuovo partito politico? Chi non ha mai pensato quale enorme vuoto (pneumatico?), stia lasciando l’eredità di Silvio Berlusconi e Forza Italia?  Niente paura, ci ha pensato Matteo Salvini, segretario della Lega Nord a sollevarci da queste angosce.  E’ pronta una Lega Sud o Lega dei popoli, secondo le ultime indiscrezioni. Del resto il buon Matteo, quello in camicia verde, comincia a sentirsi un pò stretto nella sua  Padania. Se non altro, anche per ragioni di clima, necessità di ampliare gli orizzonti politici e geografici.

BOSSI E LA SECESSIONE IN NAFTALINA- Salvini sta mettendo nella naftalina i cavalli di battaglia leghisti, soprattutto la secessione e “Roma ladrona”, considerando che -quest’ultimo aggettivo- viene  abbinato troppo spesso al  cerchio magico della famiglia Bossi. Pure Salvini tiene famiglia, non ancora magica però. Si lo so , non posso sempre fare il moralista e pensar male. Se la signora Salvini viene assunta per chiamata diretta in Regione Lombardia, posso almeno presuporre che abbia più culo che anima?  L’ex consigliere comunale, solitamente piuttosto logorroico- su questo se la gioca con l’altro non di destra in camicia bianca- è stato avaro di dettagli. Si vede che sulla famiglia vuol essere riservato.

PARTITO REGIONALE- Certo ci sarà ancora spazio per la Lega tra le valli bergamasche o in qualche paesino prealpino. In ventanni il Carroccio non è mai stato qualcosa di più di un partito regionale, come gli scozzesi che piacciono tanto ai lumbard, che almeno ci hanno provato a diventare indipendenti ed hanno una reale  identità storica e culturale da esibire. Servirà da cuscinetto nel Nord, per affrontare la transizione.

L’ANIMA NERA- Ora che a destra Silvio Berlusconi è nella fase liberal, Alfano ed il suo Ncd sono inutili come i peli superflui, mentre Fini è riuscito a far rigirare nella tomba Giorgio Almirante,  Salvini pesca a piene mani tra gli orfani di quella destra nera che più nera non si può.  Che guarda con struggente ammirazione al Front National di Marie Le Pen. Le parole d’ordine sono no invasione, fermare qualsiasi barcone, zattera o canotto. Però quelli che raccolgno i pomodori no per cortesia, che anche Salvini apprezza la “pummarola” ora che è un politico di livello nazionale. No euro purchè  Salvini sappia cosa sia.  L’unico risultato ottenuto a Bruxelles, è stato quello di farsi rimproverare come uno scolaretto, a causa delle sue perduranti assenze nelle commissioni che continua a criticare. Come si usa dire parlare a vanvera o a…(fate voi).

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *