Enrico Cunego
No Comments

Nba: vincono Clippers e Rockets, ok Dallas con Boston

6 gare giocate nella notte Nba. Clippers e Rockets superano Jazz e 76ers, mentre Dallas rischia nel finale ma batte i Celtics. Successi anche per Nets, Kings e Grizzlies

Nba: vincono Clippers e Rockets, ok Dallas con Boston
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Sei gare giocate nella notte Nba ed importanti affermazioni ad Ovest per i Clippers, che superano 107-101 gli Utah Jazz, i Rockets (104-93 a Philadelphia), i Mavericks (battuti nel finale i Celtics), i Kings (che superano i Nuggets di Gallinari) e i Grizzlies, i quali non danno sacampo ai Pelicans di Anthony Davis. Brutto stop invece per gli Oklahoma City Thunder, travolti a Brooklyn dai Nets.

BROOKLYN NETS-OKLAHOMA CITY THUNDER 116-85

Una gara senza storia. I Nets prendono fin da subito il comando della gara grazie anche al ritrovato Brooke Lopez, assente per infortunio da dicembre è subito assolutamente incisivo con 18 punti a referto, di cui 16 tra secondo e terzo quarto. Punti che solidificano il già significativo vantaggio (+16 alla fine del primo quarto) firmato dai punti di Bogdanovic e Joe Johnson. Negli ultimi due quarti salgono in cattedra anche Alan Anderson e Deron Williams, che firmano complessivamente 18 e 17 punti. Dall’altra parte i Thunder fanno una fatica estrema al tiro e non bastano i 23 punti del rientrante Reggie Jackson. Oklahoma sprofonda anche a -35 durante l’ultimo quarto ed in più deve vedersela con l’ennesimo infortunio di questo maledetto inizio di stagione: una distorsione mette fuori gioco Andre Roberson.

Nets: Lopez e Anderson 18 punti, Williams 17 Assist: Williams 9 Rimbalzi: Plumlee 8

Thunder: Jackson 23 punti, Jones e Telfair 16 Assist: Telfair 6 Rimbalzi: Ibaka e Adams 9

Harden nel quintetto ideale della notte Nba

Harden, trascinatore dei Rockets

PHILADELPHIA 76ERS-HOUSTON ROCKETS 93-104

Benvenuti nel magico mondo del “Barba”. James Harden si conferma in gran forma in questo inizio di stagione esaltante per Houston (4 vittorie su 4 gare). 35 punti, 17/18 dalla lunetta, numeri strepitosi che firmano in maniera determinante il successo dei texani sulla giovane franchigia della Pennsylvania, che sembrava già soccombere alla fine di un primo quarto concluso 32-19 per gli ospiti. Ma nel secondo quarto le 5 triple el carica di McDaniels e Shved hanno permesso ai padroni di casa di riportarsi in gara nonostante un 10/10 dalla lunetta di Harden. Nel  terzo quarto entra in partita anche Eric Wroten (20 punti a fine gara) e ciò permette a Phila di arrivare fino al -5. C’è sempre però Harden in agguato, il quale insieme a Caanan trova il break del +16 che distrugge ogni speranza della squadra di coach Brown

76ers: Wroten 20 punti, McDaniels 14 Assist: Noel 5 Rimbalzi: Wroten 5

Rockets: Harden 35 punti, Ariza 24 Assist: Ariza 7 Rimbalzi: Howard 14

MEMPHIS GRIZZLIES-NEW ORLEANS PELICANS 93-81

Vola anche Memphis sul 4-0 e sempre per merito della “strana coppia” Zach Randolph-Marc Gasol. 15 punti per il primo, 16 per il secondo e 11 rimbalzi per entrambi. Sono questi i segreti del successo dei Grizzlies su dei Palicans che partono subito malissimo nel primo quarto, tirando col 22% dal campo è andando sotto a -10. Davis viene bloccato difensivamente e apporta solo 14 punti e 8 rimbalzi alla causa, ma nel terzo quarto grazie a Holiday ed Evans New Orleans risale da -10 portandosi a +1 sul 45-44. Ma i Grizzlies indovinano un parziale di 12-0 in cui 10 punti li segna Gasol. E’ il momento decisivo che spezza l’incertezza della gara, nell’ultimo quarto Vince Carter, Prince e Allen segnano i punti decisivi che chiudono la contesa

Grizzlies: Gasol 16 punti, Randolph 15 Assist: Conley 5 Rimbalzi: Gasol, Rndolph e Allen 11

Pelicans: Evans 21 punti, Davis 14 Assist: Holiday 6 Rimbalzi: Anderson 9

LOS ANGELES CLIPPERS-UTAH JAZZ 107-101

La tripla doppia di Chris Paul (13 punti, 12 assist e 10 rimbalzi) ed i 31 punti di Blake Griffin consento ai Clippers di ottenere una sudata vittoria contro dei battaglieri Jazz, che partono male nei primi due periodi per poi rientrare in partita con un parziale di 13-0 guidato da Caron Butler, che ne mette 8 nell’inizio di terzo parziale che segna la parità sul 62-62. Nel quarto periodo gli ospiti passano addirittura avanti 77-75 con l’allaey-oop di Gobert, ma a questo punto diventa decisivo Jamal Crawford, che, superando 15 mila punti in Nba, combina 20 punti con Blake Griffin nell’ultimo periodo. Sono i punti che permettono a Los Angeles di tornare a vincere dopo la batosta con Sacramento, per Utah tanto coraggio che non basta

Clippers: Griffin 31 punti, Crawford 19 Assist: Paul 12 Rimbalzi: Paul 10

Jazz: Hayward 27 punti, Kanter 17 Assist: Hayward 5 Rimbalzi: Kanter 9

DALLAS MAVERICKS-BOSTON CELTICS 118-113

Dallas rischia il suicidio contro Boston, ma alla fine riesce a portare a casa la terza vittoria consecutiva in questo inizio di stagione. Primo tempo travolgente da parte dei texani, che a fine secondo quarto volano su un consistente 62-31 che sembra chiudere già definitivamente la gara. Nowitzki, Parsons ed Ellis si dimostrano tutti infallibili cecchini, ma nel terzo quarto la mira dei padroni di casa precipita al 38%. 38 invece sono i punti di Boston, trascinata da Green e Bradley, che alla fine concluderanno con 35 e 32 punti a testa. Nell’ultimo quarto Bradely ne firma 14 e Smart segna la tripla del -3 (107-104). Parsons tenta di dare respiro ai suoi ed alla fine i Celtics non riescono a recuperare. Brdaley fa 2/3 ai liberi a 39″ dalla fine per fallo di Monta Ellis, mentre Green non trova la tripla dell’over-time

Mavericks: Parsons 29 punti, Nowitzki 27 Assist: Ellis e Harris 6 Rimbalzi: Chandler 12

Celtics: Green 35 punti, Bradley 32 Assist: Rondo 15 Rimbalzi: Rondo 9

DENVER NUGGETS-SACRAMENTO KINGS 105-110

Partita serratissima ed intensa a Denver, ma alla fine a spuntarla sono i californiani, alla terza vittoria consecutiva. Gara fin da subito estremamente equilibrata, i Nuggets giocano sul collettivo andando avanti 22-19 a fine primo quarto, ma nel secondo quarto esce alla ribalta DeMarcus Cousins, che guida i suoi verso il 51-46. Nel terzo quarto Cousins cala e contemporaneamente sale di livello McGee, che trascina i suoi verso il apreggio .Equilibrio che perdura anche nell’ultimo quarto fino al 96 pari a 3’18”. Gay trova il +5 grazie ad un gioco da 3 punti, è la giocata che decide il match. Gay e Collison dalla lunetta chiudono i conti, sintesi di un 40/47 totale ai tiri liberi per i Kings. Per Denver gioca 14′ il nostro Danilo Gallinari, che purtroppo per la settima volta in Nba chiude con 0 punti

Nuggets: Afflalo e McGee 16 punti, Chandler 14 Assist: Lawson 12 Rimbalzi: Faried 10

Kings: Collison 21 punti, Cousins 19 Assist: Collison 6 Rimbalzi: Evans 14

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *