Orazio Rotunno

Mercato Inter, spunta Krasic: 10 milioni la richiesta, si punta al prestito

Mercato Inter, spunta Krasic: 10 milioni la richiesta, si punta al prestito
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 8 LUGLIO – Torna di moda Krasic, e con lui i dispetti fra le due rivali di sempre. Il derby d’Italia è lungo un intero anno, e il mercato recente, fra colpi andati a segno, sfiorati e probabili, sta qui a dimostrarlo. L’Inter flirta con l’agente del giocatore, separato in casa da tempo, la Juve vuole ammortizzare la spesa di 15 milioni fatta 2 stagioni fa, e non scende sotto i 10. Come arrivare ad un accordo, fra i due litiganti storici?

KRASIC UN PESO? “MILOS” PRENDO IO… – Ci fosse il Milan di mezzo la trattativa avrebbe maggiori probabilità di andare a buon fine. In primis per i rapporti ” meno peggio “, viste le vicende dell’ultimo anno, fra i rossoneri e la Juve, rispetto a quanto invece non sia con la società di Moratti. Secondo, Galliani è u maestro in operazioni di questo tipo: scommettere su giocatori importanti ai margini e aspettare fino all’ultimo perchè arrivino in prestito, senza neanche obbligo di riscatto, a fronte di una richiesta cash iniziale. L’Inter pare meno ferrata in questo, ed è un problema. Anche perchè in questo momento, sborsare una doppia cifra per un giocatore mai utilizzato lo scorso anno, e soprattutto dopo 40 milioni già spesi sino ad ora, Paulinho o Lucas permettendo, è altamente improbabile. Eppure Krasic piace, è sempre piaciuto. Con l’arrivo di Stramaccioni, il cui modulo tattico prevede la presenza di esterni offensivi, gli abboccamenti sono stati più frequenti, in particolare col giocatore e i suoi procuratori. Due stagioni fa sembrava un crack, arrivava con grandi referenze, e fu l’unico a salvarsi in una stagione avara di soddisfazioni per i bianconeri, diventando subito l’idolo dei tifosi. Con il 4-4-2 di partenza di Conte doveva arrivare la consacrazione, ma da subito le cose non hanno funzionato, un pò per il cambio di modulo, ma anche per una scarsa propensione del serbo nel ripiegare in difesa, fondamentale nelle consegne di Conte per ogni giocatore, attaccanti compresi. Ora la Juve non vuole perdere un investimento di 15 milioni a costo zero, intende monetizzare il più possibile, ha già rifiutato offerte fra i 7-8 milioni dal Liverpool e Russia e ne chiede almeno 10. L’Inter, forte della volontà del giocatore di scappare da Torino, con gradimento già offerto per icolori nerazzurri, punta su di un prestito oneroso con diritto i riscatto. Al momento l’affare è difficile, spece fra le due rivali storiche. Non è comunque escluso che Lucio non resti l’unico ad attraversare l’asse Milano-Torino, questa volta nel senso inverso.

 

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *