Vincenzo Galdieri
No Comments

Pagelle Empoli-Juventus 0-2: Morata craque, sinfonia Pirlo

I bianconeri tornano a godersi il primato solitario grazie ai due campioni: Pirlo torna a fare il direttore d'orchestra e sfodera l'acuto su punizione, Morata dimostra di avere potenziale da fenomeno assoluto

Pagelle Empoli-Juventus 0-2: Morata craque, sinfonia Pirlo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Pirlo: da "bollito" al Milan a star della Juventus: il ciclo bianconero parte da lui

Pirlo, ritorno al gol con la Juventus

La Juventus vince ad Empoli e torna in testa, da sola, approfittando della sconfitta della Roma a Napoli. I bianconeri passano al Castellani per 2-0 grazie alle reti di Pirlo e Morata, quest’ultimo anche migliore in campo. Le pagelle del match:

EMPOLI

BASSI 6 – Para bene su Tevez, non ha colpe sul gol di Morata ed a parer di chi scrive nemmeno sulla punizione di Pirlo.

LAURINI-HISAY (Dal 56′) 5,5 – Si alternano nel tentativo di tenere a bada Asamoah, che però è in buona forma. A volte lo prendono, a volte no.

RUGANI 6,5 (IL MIGLIORE) – Fa capire una volta in più perchè tutti lo considerano un craque in prospettiva futura. Autorevole e sicuro, come un veterano, limita Giovinco e Morata. Bravo.

RUI 5 – Un po’ fuori fase, non conferma i progressi visti nelle scorse uscite.

VALDIFIORI-CROCE 5,5 – La diga funziona cosi cosi. Bene all’inizio, meno dopo.

TONELLI 4,5 – Disastroso, chiude pure con l’espulsione. Male male.

VECINO 5 – Prova inconsistente, evanescente dall’inizio alla fine l’ex viola.

ZIELINSKI 5 – Lezioso come pochi, tanto fumo e quasi niente arrosto. Dal 75′ TAVANO 6 – Ci mette grinta ed impegna SuperGigi ad una bella parata.

MACCARONE 5,5 – L’Empoli lo aspetta e spera in un suo guizzo, che non arriva però. Dal 79′ MCHELIDZE sv

PUCCIARELLI 6,5 – Vivace e carico, al solito si diverte e fa divertire. Buffon con una parata da mostro gli nega un gol che sembrava fatto.

All. SARRI 6,5 – Vero è che perde, ma vero è anche che la Juve sblocca soltanto nella seconda parte della ripresa. Ed il suo Empoli gioca a grande intensità per tutto l’arco del primo tempo. Sfortuna vuole che la Juve abbia dei campioni assoluti e lui no. Altrimenti, sul piano tattico e dell’approccio, era una gara che ai punti meritava almeno almeno di pareggiare.

JUVENTUS

BUFFON 7,5 – Il paratone su Pucciarelli è da campione del mondo e da portiere più forte del pianeta: ah già, lui è entrambe le cose. Pure su Tavano si esalta. Mostro.

CHIELLINI 6 – Qualche inusuale momento di incertezza, peraltro se la cava bene.

OGBONNA 6 – In crescita rispetto all’ultima disastrosa prova, ma continua a non convincere pienamente. Dal 46′ LICHTSTEINER 6 – In un ruolo non suo, non demerita.

BONUCCI 6,5 – Solita guida sicura per i compagni. Non sbaglia nulla.

PEREYRA 6 – Da esterno piace e non piace, nel senso che di corsa ne ha ma preferisce sempre convergere verso il centro. Ma la Juve di esterni veri e puri non sembra volerne comprare: centrale adattato is the way.

MARCHISIO 6,5 – Fosforo e corsa, si conferma il più in forma del centrocampo. Promossissimo.

PIRLO 7 – Gioca e non gioca, poi piazza la punizione jolly e si sveglia. Tornando a dirigere l’orchestra ed a regalare perle di calcio.

VIDAL 6 – Sufficienza di stima, perchè anche stavolta è parecchio sottotono. Si limita a passaggi e passaggini, ogni tanto prova il guizzo con l’inserimento giusto che però non gli riesce. Deve assolutamente ritrovare le motivazioni giuste.

ASAMOAH 7 – Bravo, perchè pur non affondando molto nel tentativo di saltare l’uomo, le poche volte che lo fa crea scompiglio e poi è presente in ogni fase di gioco. Ma provare il dribbling un po’ più spesso non sarebbe una cattiva idea. Dal 79′ PADOIN sv

GIOVINCO 6 – Volenteroso e tutto quanto, ma ogni volta che è entrato a partita in corso ha destato un’impressione migliore. Non incide e non stupisce. Dal 69′ TEVEZ 6,5 – Entra, corre e copre, poi fa l’assist per il gol di Morata e ne prova pure un altro, provocando l’espulsione di Tonelli. Carlitos la furia.

MORATA 7,5 (IL MIGLIORE) – Allora, ora basta nascondersi: è un fenomeno e deve giocare. Titolare. Sempre. Da solo tiene in scacco tutta la difesa avversaria, poi s’inventa un gol capolavoro. E poi corre, dribbla, ha fisico. E poi ha 22 anni. Peccato soltanto che non sia ‘del tutto’ della Juve e che il Real Madrid abbia il diritto di recompra, altrimenti avremmo potuto dire senza problemi che la Juventus si era messa in casa un fenomeno di livello mondiale da spendere per i prossimi 10 anni almeno. Intanto lo si potrebbe far giocare titolare, però. Sempre.

All. ALLEGRI 6,5 – Mostra un po’ di coraggio con Giovinco-Morata dall’inizio: erano due più in forma ed era giusto giocassero. Ma non convince, al solito, l’approccio rinunciatario. La Juve cresce sempre nell’ultima mezz’ora, e per battere l’Empoli basta. Per vincere il campionato forse pure, vista l’incertezza e l’inadeguatezza delle rivali. Per la Champions no. E non tolga più Morata dai titolari per un bel pezzo: al momento tenerlo in panchina non ha nessun senso.

Vincenzo Galdieri (Twitter – @Vince_Galdieri)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *