Marco Tringali
No Comments

Reggio e Brindisi ok negli anticipi di A1

Terzo successo stagionale per Reggio Emilia e Brindisi, che sul proprio parquet hanno ragione di Pesaro e della sorprendente Trento

Reggio e Brindisi ok negli anticipi di A1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Pronostici ampiamente rispettati nei due anticipi che alzano il sipario sulla quarta giornata del massimo campionato italiano di pallacanestro.

A Reggio Emilia la Grissin Bon, reduce dalle cocenti delusioni europee, doma senza grandi fatiche le resistenze di Pesaro con un eloquente 91-73 specchio di una gara condotta dagli emiliani dal primo all’ultimo quarto. Mattatore dell’incontro l’asso lituano Rimantas Kaukenas autore di 18 punti con l’85% di media realizzativa dalla corta distanza e 2/4 dalla linea dei  tre punti. In evidenza anche la prestazione autorevole sotto canestro di Achille Polonara che mette a referto 12 rimbalzi e 17 punti, sotto la sapiente regìa dell’azzurro Cinciarini (per lui 12 assist). Pesaro si consola con l’eccellente prova al tiro di LaQuinton Ross autore di 26 punti e 7 rimbalzi, utili a ridurre un passivo altrimenti umiliante per il quintetto allenato da coach Dell’Agnello, ancora a zero nella casella vittorie della classifica generale.

Molto più equilibrio nella sfida che oppone la Enel Brindisi alla sorprendente neo promossa Trento che i pugliesi si aggiudicano per 82-74. Avvio a favore dei trentini che chiudono avanti il primo quarto, si fanno rimontare ma costringono i padroni di casa al 61 pari in chiusura di terza frazione. Nella quarta frazione sono i due americani Harper e Denmon (quindici punti in due) a prendere in mano le sorti brindisine, anche grazie agli assist di Delroy James. Brindisi chiude la frazione decisiva allungando a +8  che vale il terzo sigillo stagionale. Harper (mvp del match con 18 punti e l’80% dal perimetro) e Denmon mettono a referto 18 punti, buona la prova di Zerini e James sotto canestro. Per Trento non bastano gli acuti di Josh Owens (19 punti e 9 rimbalzi) e Tony Mitchell che mette a referto 22 punti con un non invidiabile 4/12 dalla corta distanza.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *