Manlio Mattaccini
No Comments

Pagelle Verona-Lazio 1-1: Cavanda “onda anomala”, Moras “vai col liscio”

Brutto pareggio al Bentegodi: partita segnata da due errori della difesa. Pochi spunti interessanti, Marchetti fa il "libero" alla Neuer

Pagelle Verona-Lazio 1-1: Cavanda “onda anomala”, Moras “vai col liscio”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Un punto ciascuno non fa male a nessuno. Anche se al triplice fischio finale, ai biancocelesti rimane l’amaro in bocca di aver sprecato una grossa occasione. In vantaggio di un gol (rete di Lulic che ringrazia un “liscio” di Moras) e in pieno controllo, un rigore causato da un irruento Cavanda rimette in partita gli scaligeri che trasformano con Toni. Un match bruttarello, a tratti confusionario, che non passerà agli annali del calcio. Il risultato finale comunque accontenta entrambe le squadre: il Verona torna a fare punti dopo le pesanti sconfitte contro Milan e Napoli, mentre i biancocelesti inanellano un altro risultato utile che le permette di raggiungere il gruppone al terzo posto.

VERONA: LE PAGELLE

RAFAEL: 6 – Incolpevole sul gol, non si sarà certo divertito. Sempre meglio che prenderne 6 dal Napoli

MARTIC: 5 – In pieno affanno, si becca un giallo e la sua partita dura soltanto un tempo (46’SORENSEN: 6 – Si dimostra più lucido ed entra subito nel meccanismo della squadra)

MORAS: 4,5 – Una partita simile poteva essere sbloccata da un errore. Ci ha “pensato” lui con un grave liscio: per sua fortuna, i suoi sono riusciti in qualche modo a raddrizzarla

MARQUEZ: 5,5 – Lanci lunghi nel deserto, in affanno nelle accelerazioni; da lui ci si aspetta altro

AGOSTINI: 5,5 – In una serata poco brillante si adegua al tema della serata: in più deve affrontare Candreva

HALLFREDSSON: 6 – Uomo invisibile nel primo tempo, presente con ordine nella ripresa

TACHTSIDIS: 5,5 – Una punizione più brutta dell’altra, poca qualità ma alla sua sostituzione il pubblico lo sommerge di applausi. Rendita dei due gol già segnati? (77’IONITA S.V.)

CAMPANHARO: 5,5 – Il giovane brasiliano non riesce a dare quel pizzico di mordente in più che gli si chiedeva

JANKOVIC: 5 – Nessuno spunto degno di nota. Ma proprio nessuno. Mandorlini se ne accorge presto (46′ JUANITO GOMEZ: 6,5 – Si procura il penalty e dà vivacita maggiore all’attacco)

TONI: 6 – Meno imprevedibile dell’anno scorso, i difensori avversari non gli concedono davvero spazio. Freddo nel rigore, si rende pericoloso quando e come può

NICO LOPEZ: 6,5 – In questo momento, l’attaccante più forte presente in reparto. Gli manca qualche gol e qualche chilo in più per diventare un elemento interessantissimo

LAZIO: LE PAGELLE

Marchetti "imita" Neuer

Marchetti “imita” Neuer

MARCHETTI: 6,5 – Ad anticipare l’avversario, ci pensa il “libero” Marchetti. Con le dovute differenze, sembrava Neuer contro l’Algeria ai Mondiali

RADU: 5,5- Attacca meno lo spazio del solito, e perde la maggior parte dei duelli con Nico Lopez

DE VRIJ: 6 – Prestazione “silenziosa” dell’olandese, che contribuisce a zittire l’attacco scaligero

CIANI: 6 – Spesso dà l’impressione di essere un “elefante in una cristalleria”, ma il suo lavoro oggi paga

CAVANDA: 4,5 – Rimedia due gialli nel giro di poco tempo. Partita in assoluto controllo: il secondo gli costa l’espulsione, il rigore e due punti alla sua squadra

ONAZI: 5,5 – Senza infamia, nè lode. Non era compito suo sbloccare con qualità una partita simile(59′ GONZALEZ: 6 – Non è al top della forma, non poteva fare di più)

BIGLIA: 6,5 – Partita generosissima: bravissimo a recuperar palloni in quantità industriale, un pò meno nel costruire

PAROLO: 6 – S’intende bene con Candreva, non benissimo con gli altri

CANDREVA: 6,5 – Giocatore imprescindibile nell’economia biancoceleste: nonostante non incanti, ci mette lo zampino nel gol e nellla manovra, non sempre fluida, della squadra

DJORDJEVIC: 6 – Gara di grande sacrificio: corre, scambia, sempre nel gioco. Peccato che nell’unica palla buona sui suoi piedi si dimentichi di fare l’attaccante(87’KLOSE S.V.)

LULIC: 6,5 – Realizza la prima palla gol di tutta la partita, mandando in visibilio i propri tifosi. Sostituito forse troppo presto (59′ ANDERSON: 6 – Molta voglia ma poco altro: sbaglia anche quando è nel giusto)

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *