Vincenzo Galdieri
No Comments

Pagelle Genoa-Juventus 1-0: vendetta Matri, disastro Vidal

Pagelle Genoa-Juventus 1-0: vendetta Matri, disastro Vidal
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I bianconeri perdono nonostante una gara dominata, ma la grinta latita: cosi Antonini punisce al 94esimo

Matri e Pinilla, Juventus la coppia d'oro di questo Genoa

Matri, ex Juventus: col suo ingresso ha regalato la vittoria al Genoa

La Juventus subisce la prima sconfitta in campionato ad opera del Genoa, che trionfa in maniera rocambolesca al 94esimo grazie ad un gol di Antonini ben assistito da Matri. Le pagelle del match:

GENOA

PERIN 7,5 (IL MIGLIORE) – Para tutto, specialmente su Morata che è il più pericoloso in assoluto. La seconda respinta sullo spagnolo è da Oscar. Perin è sempre più un fenomeno.

DE MAIO 7 – Tevez chi? Questo ragazzone annulla il craque argentino: annulla no, in realtà, ma lo limita parecchio. Che non è poco.

BURDISSO 6,5 – Tiene a bada Llorente e se la cava col mestiere su Pogba, in occasione della dubbia caduta in area del francese. Ottima prova.

MARCHESE 6 – Controlla la sua zona di competenza con diligenza ed abnegazione.

ROSI 6,5 – Lo chiameranno ‘il raddoppiatore’. C’è un uno contro uno? No problems, arriva Rosi a raddoppiare. In qualunque zona del campo. Esce esausto ma contento. Dall’81’ ANTONINI 7 – Dal fango alla gloria. Lui che si era prodigato per l’alluvione, regala una gioia al popolo genovese-genoano, con un gol all’ultimo secondo che farà la storia. Chapeau.

GRECO 6 – Copre e corre, gregario di livello.

MANDRAGORA 7 – A volte eccede pure in ghirigori e dribbling azzardati frutto dell’incoscienza dell’età. Ma di personalità ne ha da vendere, di talento pure e persino di sagacia tattica. Fa un’impressione clamorosa questo 17enne lanciato a sorpresa in mischia dal Gasp. Ah, non inganni il cognome cervellotico: è italiano. Dal 69′ KUCKA sv

ANTONELLI 6 – Esperienza e vivacità sulla fascia.

PEROTTI 6,5 – E’ l’uomo di qualità di questo Genoa, quello che ha il plus sotto l’aspetto tecnico. Dribbla, corre ed è punto di riferimento costante nelle azioni offensive. Acquistone.

PINILLA 5,5 – Combatte ma non morde. Ma perchè non Matri subito? Dall’84’ MATRI 7 – Entra e regala un assist sensazionale ad Antonini. L’assist per il gol vittoria alla sua ex Juve, che ad un certo punto non ha più creduto in lui. Matri non è uno che serba rancore, ma la vendetta è compiuta.

All. GASPERINI 7 – Genoa da sogno almeno nell’epilogo, operaio per tutto il resto della partita. Perfetto difensivamente, lascia a desiderare in fase offensiva. Ma certe notti sono magiche a prescindere.

JUVENTUS

BUFFON 6 – Poco da dire. Mai impegnato esclusa qualche parata relativamente facile, poi il gol all’ultimo su cui non ha colpe.

OGBONNA 4,5 – Dorme della grossa sul passaggio di Perotti per Matri. Buca clamorosamente ed il Genoa passa mandando in delirio i suoi tifosi. Prima aveva preso pure una traversa in uno contro uno con Perin. Spiace dirlo, ma in una difesa a tre rimane sempre l’anello debole.

BONUCCI 6,5 – Perchè in fin dei conti è sempre li, a difendere, a chiudere, ad impostare, a suonare la carica. Leader carismatico prima che gran difensore. Ma da solo non basta.

CHIELLINI 5 – Lui invece dovrebbe coprire Antonini all’ultimo minuto, e lo fa male: si fa sorprendere dalla giocata di Matri, da uno con la sua esperienza non ce lo si può aspettare.

LICHTSTEINER 5,5 – Qualche buono spunto seguito da una seconda parte pressochè sempre mediocre. Borderline.

MARCHISIO 5 – Combatte senza vincere quasi mai. Partitaccia.

VIDAL 4,5 – Qualcuno faccia qualcosa. Questo giocatore sta diventando discontinuo all’inverosimile e non è una cosa possibile. Lui su continuità e costanza ha costruito praticamente una carriera. Sbaglia passaggi elementari, sembra svagato e svogliato. Vidal, ma cosa stai facendo?

ASAMOAH 5 – Sembra aver il terrore di saltare l’uomo. Un altro che ha subito un’involuzione sul piano mentale clamorosa.

POGBA 6 – Perchè alla fine è il più attivo, ma anche lui deve smetterla di svegliarsi durante gli ultimi 20 minuti. Pericoloso e pure grintoso, ma soltanto a sprazzi. Cosi cosi, ma meglio di quasi tutti gli altri.

TEVEZ 6 – Voglioso e carico, bravo a prendersi tanti palloni sulla trequarti, bravo in fase di assist – anche il tacco per Morata – male quando c’è da concludere. E questo è un problema.

LLORENTE 5 – Un palo e nient’altro. Imballato, il gol col Palermo non lo ha sbloccato. Dal 63′ MORATA 7 (IL MIGLIORE) – Ora proviamo a parlare chiaramente: tenere fuori questo mostro è una follia. E’ un fenomeno. Sa fare tutto e dà quella rapidità che all’attacco bianconero manca. Da solo crea scompiglio e costringe Perin a due parate da mix Buffon-Casillas. Basta di farlo marcire in panchina. Ora ci vuole il coraggio di sovvertire le gerarchie.

All. ALLEGRI 4,5 – La Juventus domina, e va bene. Ed ha pure sfortuna. Ma domina perchè è sempre troppo più forte delle altre. Ciononostante siamo già a 3 sconfitte ad ottobre. Perchè la Juventus non morde, non aggredisce ogni pallone, non mangia l’erba. Allegri, ora è il tuo turno. Il periodo d’ambientamento è finito, ed è finito anche il tempo di imitare Conte negli uomini e nel modulo. Abbi il coraggio di cambiare, Max. Abbi il coraggio di costruire la tua Juve.

Vincenzo Galdieri (@Vince_Galdieri – Profilo Twitter)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *