Antonio Casu
No Comments

Diavolo d’un Zeman: il Cagliari è bellissimo

Il parco giochi sardo ha finalmente aperto i battenti

Diavolo d’un Zeman: il Cagliari è bellissimo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

A suon di figuracce e risultati mediocri, si iniziava ad essere scettici. Il messia sbarcato a Cagliari per portare il verbo del bel gioco sembrava essere un impostore. Zdenek Zeman invece sta stupendo tutti e il suo parco giochi ha finalmente riaperto i battenti. Mettere sotto per novanta minuti il Milan è un’impresa diabolica. Il risultato finale è poco più che casuale. Un gol bellissimo, messo a segno dalla premiata ditta Sau-Ibarbo, e sprazzi di gioco irresistibile per gli avversari: Zemanlandia è tornata.

Il Cagliari sfiora l'impresa e pareggia con il Milan. Zeman è soddisfatto

Il Cagliari sfiora l’impresa e pareggia con il Milan. Zeman è soddisfatto

CENTROCAMPO E ATTACCO INIZIANO A GIRARE – Probabilmente era solo una questione di mentalità e condizione atletica. Il Cagliari ammirato ieri al Sant’Elia non ha nulla a che vedere con quello spento e demotivato delle prime uscite stagionali. La crescita della mediana, tenuta in piedi abilmente da Crisetig, Conti ed Ekdal, ha permesso ai sardi di essere più dinamici e pericolosi sotto porta, offrendo allo stesso tempo una buona copertura in fase di non possesso. Il gol di Ibarbo, insolito rapace d’area, sottolinea il buon lavoro del boemo. La classe di Sau e Cossu ha fatto il resto. Il saldo tra occasioni create e occasioni concretizzate è ancora negativo, ma Zeman avrà tempo per lavorare su questo aspetto, centrale nella sua filosofia.

UN’INSOSPETTABILE TENUTA DIFENSIVA – Strano a dirsi, ma la spregiudicatezza tattica del boemo non preclude una buona solidità difensiva. L’intesa tra Rossettini e Ceppitelli, disastrosa nelle prime uscite, è in netto miglioramento, così come il lavoro in ripiego dei terzini. In porta, Cragno è ormai una sicurezza (nonostante non manchino le sbavature, naturali se si considera la sua età). I tre punti persi con Verona e Milan peseranno nell’arco della stagione, ma la crescita è evidente. La qualità della rosa sta emergendo e Zeman è il solito diavolo (lui sì, a differenza dei rossoneri). Imprevedibili, folli e allo stesso tempo lucidi: il Cagliari dei giovani è sempre più bello.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *