Simone Viscardi
No Comments

Pagelle Cesena-Inter 0-1: Icardi Match Winner, Leali ingenuo

Nerazzurri corsari a Cesena grazie a un rigore di Icardi nel primo tempo. Romagnoli coriacei, ma incapaci di rialzarsi in inferiorità numerica

Pagelle Cesena-Inter 0-1: Icardi Match Winner, Leali ingenuo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’Inter torna a vincere in campionato dopo un mese di astinenza, superando a domicilio il Cesena. A decidere l’incontro un rigore (con conseguente espulsione del portiere ospite Leali) trasformato da Mauro Icardi. Poco spettacolo, ma tre punti fondamentali per Mazzarri. Ecco i voti dei protagonisti.

CESENA

LEALI voto 5,5 – Commette un errore di gioventù in occasione del rigore che decide il match. Peccatuccio che ci può stare in un processo di crescita – INGENUO

CAPELLI voto 5 – Pomeriggio di difficoltà per il difensore romagnolo. Dalla sua parte i nerazzurri spingono, costringendolo a chiamare i rinforzi – PUNTATO

VOLTA voto 6 – Tiene in ordine il reparto con la personalità che spesso gli è mancata in carriera. Soffre, come tutti, nel finale – COMANDANTE

LUCCHINI voto 6,5 – Segue a vista il centravanti interista Icardi, costringendolo spesso a giocate difficili – FRANCOBOLLO

RENZETTI voto 6 – Dimostra una tecnica di base invidiabile, impensierendo in più di un’occasione Handanovic e imperversando sulla sua fascia – TONICO

CASCIONE voto 6,5 – Lotta come un leone in mezzo al prato del Manuzzi, cercando anche la via della gloria personale. Super Samir gli nega la gioia del gol – GLADIATORE

DE FEUDIS voto 5 – Soffre l’inferiorità numerica e la mancanza di punti di riferimento che essa ha comportato – SPERDUTO

Pierpaolo Bisoli, allenatore del Cesena

Pierpaolo Bisoli, allenatore del Cesena

GIORGI voto 6,5 – Spirito e abnegazione al servizio della squadra. Corre a perdifiato per tappare ogni falla, da un lato e dall’altro del campo – UNO E TRINO (dal 75′ RODRIGUEZ S.V.)

GARRITANO voto 6 – Svaria su tutto il fronte offensivo, almeno fino a quando non viene richiamato in panca dall’espulsione di Leali – INTERROTTO (dal 32′ AGLIARDI voto 6,5 – Impallinato a freddo, nega il raddoppio agli ospiti nella ripresa – IMMOLATO)

DJURIC voto 6 – Più che la punta, è il primo difensore degli uomini di Bisoli. L’andamento del match lo costringe a un sacrificio non preventivato, ma si mette al servizio dei compagni come l’ultimo dei mediani – ESEMPIO (dal 64′ ALMEIDA voto 5,5 – Lontano dalla migliore condizione, si spera – GORDITO)

MARILUNGO voto 5,5 – La partita rispecchia la sua carriera di eterna promessa mai sbocciata. Tanta corsa, belle cose ma poca concretezza nel momento decisivo – INCOMPIUTO

All. BISOLI voto 6,5 – Il suo Cesena spregiudicato mette in seria difficoltà l’Inter. L’episodio del rigore lo risveglia sul più bello, ma non toglie nulla ai suoi meriti – LEADER

INTER

HANDANOVIC voto 7 – Salva la porta con almeno 3 ottimi interventi. Infonde sicurezza ad un reparto che ne ha estremo bisogno – MURO

CAMPAGNARO voto 6 – Ripescato dai bassifondi della panchina risponde presente, con una partita gagliarda su entrambi i fronti di gioco – GARRA

RANOCCHIA voto 6,5 – La sua posizione in una difesa a 3 è quella di centrale, senza se e senza ma. Sui palloni aerei è imbattibile, palla a terra un po’ meno – VEDETTA

JUAN JESUS voto 6 – Sempre più concentrato su tutto l’arco della partita. I suoi miglioramenti sono tangibili, anche col pallone tra i piedi – CONSAPEVOLE

OBI voto 5 – Passo indietro rispetto all’ottima uscita col Napoli. Soffre il fatto di giocare sulla fascia opposta al proprio piede preferito – SCOMBINATO (dal 69′MBAYE voto 6 – Buona verve, anche se la precisione continua a latitare – SVIRGOLATO)

HERNANES voto 6,5 – Padrone del centrocampo interista. Prende per mano la squadra grazie alle sue naturali doti da leader, costruendo le occasioni più ghiotte – PROTAGONISTA

MEDEL voto 6 – La sufficienza è scontata per uno che lascia un polmone in campo in ogni partita. Solito lavoro di interdizione, svolto con la consueta maestria – MASTINO

KOVACIC voto 6,5 – Gli aggettivi, per il croato, sono agli sgoccioli. In ogni partita regala giocate da ricordare, e quando parte in progressione sembra sempre che possa succedere qualcosa di interessante – SHOWMAN

DODO’ voto 5,5 – Difensivamente parlando è ancora lontano dal concetto di esterno che ha in mente Mazzarri. I margini di crescita sono ampi, e il materiale è tutt’altro che grezzo – OFFENSIVO

PALACIO voto 6 – L’impegno e la grinta sono quelli dei giorni migliori, la lucidità non ancora. In ripresa di condizione, ha il merito di guadagnarsi il rigore decisivo – MIGLIORATO

ICARDI voto 6 – Match-Winner, trasforma in gol un rigore, cosa che all’Inter mancava da un paio di stagioni. Solo per questo merita la sufficienza – HABEMUS PENALTY

All. MAZZARRI voto 6 – Vince, e questo è positivo; non convince, e questo ancora non va bene. La sensazione però è che qualche settimana fa una partita del genere l’avrebbe persa – CONVALESCENTE

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *