Davide Luciani
No Comments

Jorginho, Romulo e il salto di qualità mancato

Romulo e Jorginho sono passati nel giro di un anno da potenziali giocatori della nazionale a oggetti misteriosi di Napoli e Juventus: ecco perchè

Jorginho, Romulo e il salto di qualità mancato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Romulo, vestirà la maglia della Juve

Romulo non trova spazio nella Juventus

Lo scorso anno, di questi tempi Jorginho e Romulo erano sulla bocca di tutti. I due centrocampisti italo-brasiliani facevano faville nel Verona di Mandorlini, segnando e fornendo assist a ripetizione. Un anno dopo, i due si sono persi, dopo aver lasciato Verona. I maligni affermano che si tratti dell’“effetto Tachtsidis”. Anche il centrocampista greco, infatti, con la maglia scaligera sembrava un fenomeno. Poi, però, tra Roma, Catania e  Torino aveva mostrato enormi limiti tecnico-atletici, al punto che quest’anno è tornato a Verona per “rifarsi una verginità”. In realtà, i casi di Jorginho e Romulo sono diversi da quello di Tachtisidis, ma anche tra loro.

MODULO INADATTO – Jorginho è arrivato a Napoli lo scorso gennaio, dopo aver segnato sette reti nella prima parte di stagione a Verona. In azzurro, invece, non ha mai segnato in campionato e l’unica sua marcatura risale alla sfida di Coppa Italia contro la Roma. Quest’anno, per lui, appena 203 minuti giocati in campionato, con due sole presenze da titolare. L’italo-brasiliano sembra essere scivolato all’ultimo posto nelle gerarchie di Benitez, sopravanzato da David Lopez, Gargano e Inler. Le difficoltà di Jorginho nel Napoli non sorprendono e, del resto, il suo ingaggio aveva suscitato già più di un dubbio a gennaio. L’ex Verona è un regista puro che, all’occorrenza, può agire da interno, ma non un mediano di rottura. Nel 4-2-3-1 di Benitez è, quindi, un pesce fuor d’acqua (e non è il solo viste le difficoltà di gente come Hamsik e Insigne). Per poter sfruttare al meglio le proprie qualità, Jorginho deve giocare in un centrocampo a tre, in modo da poter sfruttare le sue capacità d’inserimento e impostazione. In una mediana a due, invece, deve preoccuparsi più della fase difensiva in cui non eccelle, perdendo lucidità in fase di possesso.

INFORTUNI E CONCORRENZA – Diverso il discorso per Romulo. Per il neo juventino, quella della Juventus rappresenta la seconda possibilità in una big dopo l’esperienza nella Fiorentina. A frenarne l’ascesa, fin qui, sono stati la concorrenza e i guai fisici. Non va dimenticato, infatti, che l’ex viola è arrivato a Torino con un deficit fisico dovuto all’infortunio subito nel finale della scorsa stagione che gli ha anche impedito di andare in Brasile con l’Italia. Come ne non bastasse, si è trovato la strada sbarrata dalla grande concorrenza. Romulo infatti è un jolly della fascia destra che può ricoprire il ruolo di terzino, ala o interno. Tutti ruoli, però, abbondantemente coperti nella Juventus. Con Lichtsteiner che è intoccabile sulla destra e i vari Pirlo, Marchisio, Vidal, Pogba (senza dimenticare Asamoah, “sacrificato” sulla sinistra) il suo destino era segnato. L’ operazione per ernia da sport bilaterale subita a fine settembre ha fatto il resto. Di fatto, Romulo è arrivato per sostituire Isla,altro giocatore “bruciato” dall’enorme concorrenza in bianconero. Le sue possibilità di giocare sono veramente basse, anche se, il contratto in scadenza di Lichtsteiner, suggerirebbe di iniziare a pensare a qualche alternativa.

QUALE DESTINO? – Il destino di Jorginho e Romulo non sembra, quindi roseo. Per poter avere la possibilità di esprimersi, il napoletano dovrebbe giocare nella sua posizione congeniale, ma , questo, con un’integralista come Benitez, non è possibile. Nonostante il suo progetto tattico presenti enormi lacune e molti giocatori, come detto, lamentino enormi difficoltà a mandare giù uno schema inadatto alle loro caratteristiche, l’ex tecnico del Liverpool non cambierà. Questo significa che Jorginho dovrà rassegnarsi ad essere un mediocre mediano, o cambiare aria.
Per Romulo, la situazione è ancora più complessa. Lo juventino deve riprendersi dall’infortunio, recuperare una condizione fisica accettabile e convincere Allegri di poter scavalcare Lichtsteiner nelle gerarchie (dato che di giocare da interno con la concorrenza che c’è è impossibile).
La vita dei due ex talenti del Verona è dura. Un anno fa Jorginho e Romulo erano in rampa lancio, ora sembrano essere ancorati alla pista con pochissime occasioni per decollare.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *