Vincenzo Galdieri
1 Comment

The Walking Dead 5×02: i misteri di Bob, Beth e Padre Gabriel

La seconda puntata della quinta stagione di 'The Walking Dead' ha fatto capire ancora una volta perchè si tratti del fenomeno mediatico del momento: misteri, azione a getto continuo e suspence ai massimi livelli. Con tante domande ancora senza risposta

The Walking Dead 5×02: i misteri di Bob, Beth e Padre Gabriel
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Beth, The Walking Dead

The Walking Dead 5: ma che fine ha fatto Beth?

Secondo appuntamento con gli zombie : la quinta stagione di “The Walking Dead” sembra sia cominciata proprio col piede giusto.


Adrenalina, mistero, suspence: tutti ingredienti perfetti per trattenere col fiato sospeso gli appassionati della serie che ogni lunedì sera restano incollati davanti al televisore per godersi 45 minuti in un mondo apocalittico dominato da “morti camminanti”.


La puntata “Strangers”, titolo originale, ha visto i nostri eroici sopravvissuti addentrarsi nel bosco, dopo la fuga da Terminus, e salvare prontamente un prete circondato da azzannatori. Questi li condurrà nel suo rifugio, la chiesa in cui amministrava prima che tutto avesse inizio.


WHO’S PADRE GABRIEL? – Spinti dalla fame, procedono alla ricerca di provviste guidati da Padre Gabriel: Rick fa molta fatica a fidarsi dell’uomo e invita suo figlio Carl ad indagare durante la sua assenza. Un attacco di zombie all’interno della dispensa dove il gruppo si appresta a saccheggiare colpirà Bob che a fine puntata sarà interprete di un pianto ambiguo : disperazione generale o lacrime post morso/graffio? Quel che è certo è che comunque non ha fatto una bella fine : catturato dai cannibali sfuggiti da Terminus, si risveglierà legato e privo di una gamba.
Oltre questo, possiamo individuare altri due momenti topici: Daryl e Carol scorgono un’automobile che l’uomo riconoscerà essere quella dei rapitori di Beth e Rick acconsente ad intraprendere il viaggio verso Washington.


A conti fatti, è lecito porsi alcune domande: cosa ha provocato le lacrime di Bob? Chi è davvero Padre Gabriel e cosa ha da nascondere? E ancora, che fine ha fatto Beth?


I MISTERI DI BOB E BETH – Proviamo a immaginare che Bob sia stato effettivamente graffiato o morso da uno zombie: cosa accadrebbe a Gareth e ai suoi una volta aver mangiato la sua carne più infetta di prima? Sarebbe una bella vendetta involontaria se accadesse qualcosa di spiacevole a quei cannibali insensibili, per quanto questi si fingano essere sentimentali e cerchino di far trasparire il loro dissenso nel fare ciò che fanno. Non dimentichiamo che, nella puntata precedente, hanno brutalmente ammazzato tre ragazzi e che stavano per far fuori alcuni dei nostri. E’ possibile giustificare un comportamento del genere? Considerata la situazione apocalittica e disperata, è giusto cibarsi di esseri umani? Credo che l’apocalisse raggiunga il suo culmine quando sono gli uomini stessi a perdere la propria umanità.


Padre Gabriel: cosa nasconde davvero? A cosa sono dovute le parole incise sulla facciata della sua chiesa “Brucerai all’inferno per quello che hai fatto” ? E chi è la donna della foto nonché zombie che lo ha rincorso? Potrebbe essere complice dei cannibali? Questo spiegherebbe come hanno fatto a trovare così facilmente il gruppo di Rick.
Per quanto riguarda Beth invece, non sappiamo che fine abbia fatto. Non ci sono indizi, non ci sono fotogrammi. Non c’è niente, solo la parte posteriore di un’auto con una croce. Molte supposizioni prevedevano la presenza di Beth a Terminus, alcuni sospettavano l’avessero mangiata, altri che fosse loro prigioniera. Ma adesso che Terminus è stata distrutta, con molti cannibali morti – ed i pochi rimasti hanno catturato Bob – , il mistero che avvolge la sfera Beth rimane ancora irrisolto. 

Antonella Sivo 

Share Button

One Response to The Walking Dead 5×02: i misteri di Bob, Beth e Padre Gabriel

  1. Maurizio Rovea 22 ottobre 2014 at 20:41

    L’analisi di Antonella è completa, questa stagione ha le premesse di essere una delle migliori.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *