Jacopo Bertone
No Comments

Marco Amelia: next station Rocca Priora

L'ex estremo difensore del Milan ha deciso di ripartire dalla Promozione laziale e difendere i pali della squadra di cui è anche direttore tecnico, il piccolissimo Rocca Priora

Marco Amelia: next station Rocca Priora
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

A volte non importa quanto sia ricco il tuo palmarès o quanto alte siano le cifre che ti propongono, perchè quando di mezzo ci sono i luoghi che ti sono rimasti nel cuore e che hanno accompagnato il tuo viaggio dai campetti di terra alle luci di San Siro passando per Berlino, l’unica cosa che conta è la voglia che hai di ripagare le persone e i posti che ti hanno reso l’uomo che sei: Marco Amelia, bontà sua, ne ha ancora tanta.

NEXT STATION: ROCCA PRIORA – Dopo 4 anni di Milan, a giugno è finita la sua esperienza in rossonero che gli ha fruttato uno scudetto e una supercoppa, ma anche tanta panchina: ci può stare, in fondo l’ex Livorno aveva già in bacheca la Coppa del Mondo conquistata con quel magico gruppo nel 2006 e un periodo lontano dalle luci della ribalta non è certo la fine del mondo. Tuttavia, l’uomo ha bisogno di stimoli per sentirsi vivo, stimoli che nel caso (raro) di Amelia non fanno rima con “soldi” o “”sfarzo”, ma che anzi hanno le tonalità evergreen del romanticismo, se è vero come è vero che la prossima sfida di Marco si chiama “Rocca Priora”.

Il campo di allenamento dista pochi passi da Frascati, paese natale di questo portiere coraggioso che in tutta la sua carriera non si è mai tirato indietro, che si trattasse di un’uscita bassa o magari di una dichiarazione per i propri tifosi oppure addirittura di raggiungere i compagni nell’area avversaria per un calcio d’angolo (indimenticabile quel suo goal contro il Partizan nel 2006!), di conseguenza si può parlare di un ritorno a casa dopo tanti anni in giro per l’italico stivale.

Già dal 2009 Amelia era entrato in società, basti pensare che la scuola calcio dei rossoblù porta il suo nome, ma dal luglio scorso ricopre anche il ruolo di direttore tecnico della squadra militante nella promozione laziale, che per altro ha iniziato il campionato con molte difficoltà e da qui la decisione: tesserarsi come calciatore e dare una mano ai propri ragazzi, per riacciuffare una stagione che adesso sembra estremamente meno complicata di prima con questo ragazzo un po’ sognatore e un po’ pazzo a difendere la porta, ma si sa come sono fatti i portieri…

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *