Modestino Picariello
1 Comment

Meglio perdere come la Roma che come la Juve

Non sempre la sconfitta più brutta è quella col passivo peggiore: i due modi di perdere di Roma e Juventus

Meglio perdere come la Roma che come la Juve
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Perdere bene: Garcia ha molto per sperare nel futuro con la Roma

Perdere bene: Garcia ha molto per sperare nel futuro con la Roma

Nel calcio il risultato è la cosa fondamentale, ma se tutti pensassimo che è l’unica cosa che conta, in campionato esisterebbe solo una squadra: per fortuna ce ne sono moltissime, con moltissimi modi di intendere il magico gioco con la sfera. E ci sono moltissimi modi di perdere, indicativi per il futuro. Due, molto diversi, sono quelli della Roma e della Juve

QUI ROMA – Ripartiamo da quel terribile 1-7 in casa: risultato ingiustificabile e passivo enorme. Ma, come detto, c’è da vedere anche oltre. E quell’oltre non è niente male: c’è una squadra che non ha mai smesso di attaccare, sfiorando l’1-1 con Gervinho, costringendo il portiere avversario ad almeno tre parate enormi, ha avuto assegnato contro un rigore assai dubbio, ha segnato sempre con Gervinho, poi fermato solo davanti al portiere per un fuorigioco inesistente. Insomma, una Lupa mai doma. E il pubblico l’ha capito: a fine partita, ovazione per tutti i giocatori in campo da parte di un Olimpico strapieno, spettacolo rarissimo da vedere in Italia. E, nel secondo tempo, Garcia può far entrare Florenzi e Ljajic, che possono permettere schemi diversi e maggiore versatilità in attacco. La Roma ha perso, inoltre, contro una squadra che, in questo momento, sta prendendo a pallate tutti: nelle ultime 4 giornate in Bundesliga ha segnato 16 gol non prendendone nessuno. Campionato tedesco già assegnato? Diciamo che se potete scommettere ancora sul Bayern, è meglio che lo fate prima che la quota scompaia.

QUI ATENE – Dopo la sconfitta della Roma, inutile dirlo, sono partiti gli sfottò, com’è inutile dire che la massima parte delle battute era di origine bianconera. Ma attenti a cantar vittoria troppo presto. E infatti poche ore dopo, la vecchia signora subisce la stessa sorte contro un modesto Olympiakos. Una squadra compatta e poco più, con un attacco che almeno stasera è stato non certo sfavillante (a decidere è stata la meteora palermitana Kasami, pensate un po’) ha messo sotto per oltre un tempo i campioni d’Italia, sapendo gestire anche con un po’ di fortuna il vantaggio, e prendendo il secondo scalpo nobile dopo l’Atletico. Capitolo sostituzioni: ad entrare sono stati Marchisio e Pereyra, non certo due che ti cambiano una partita che sei destinato a perdere, ma soprattutto nessun attaccante serio quando c’era bisogno di rimontare. Capitolo campionato dell’avversario: l’Olympiakos è terzo in classifica dietro gli odiati rivali del Panathinaikos, veniva da una vittoria strappata all’ultimo minuto contro una squadra in lotta per non retrocedere e una brutta sconfitta contro l’Atromitos. Inoltre il presidente (un ricchissimo armatore) è contestato per aver venduto i due difensori migliori senza sostituirli degnamente. E questi sono andati a vincere contro la Juventus che voleva fare il balzo definitivo.

SENTI CHI PARLA – A prima vista perdere per 7-1 è peggio di perdere per 1-0 ma, lo avete capito, questo articolo vi invita a guardare al futuro, anche se si chiude, guardando incredibilmente al passato. Molti degli sfottò verso i romanisti di ieri vertevano sull’enorme passivo subito. Ma sapete qual è l’italiana che ha, nel suo palmares, la peggior sconfitta europea di tutti i tempi? Beh, provate a scoprirlo ……

Share Button

One Response to Meglio perdere come la Roma che come la Juve

  1. juve 23 ottobre 2014 at 13:44

    Ma sapete qual è l’italiana che ha, nel suo palmares, la peggior sconfitta in CASA europea di tutti i tempi? Beh, provate a scoprirlo, vi dico solo che il risultato è stato di 1 a 7 e non negli anni 50 ma nel 2014

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *