Orazio Rotunno
No Comments

Roma-Bayern Monaco, top 11 a confronto: analisi ruolo per ruolo

Faccia a faccia, ruolo per ruolo, fra le due corazzate che si affrontano questa sera: chi la spunta?

Roma-Bayern Monaco, top 11 a confronto: analisi ruolo per ruolo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Roma-Bayern Monaco, questa sera all’Olimpico, per un martedì che potrebbe definitivamente consacrare la squadra di Rudi Garcia, o rigettarla fra i “terrestri” a cospetto di chi non lo è da anni. La formazione di Guardiola schiera tutti i migliori, eccetto Ribery appena recuperato, che nella nostra particolare face to face non schieriamo per “prostituzione intellettuale“. Quello che nell’immaginario collettivo poteva risultare un confronto impietoso, si rivela meno sbilanciato del previsto. Ecco il confronto ruolo per ruolo fra le top 11 di Roma e Bayern Monaco.

DE SANCTIS-NEUER – Ok, chiunque al mondo ad oggi prenderebbe Neuer ed ha ragione: ma i giallorossi con Morgan De Sanctis fra i pali è in mani più che buone. Anzi ottime: l’abruzzese sembra come il vino, migliora invecchiando ed ha acquisito col tempo ulteriore sicurezza ed esperienza. Ma il Mondiale ha consacrato dinnanzi al mondo il tedesco come miglior portiere in assoluto. E l’età è tutta dalla sua. NEUER

MAICON-RAFINHA – Poteva anche essere Dani Alves, ma con tutto il rispetto per Rafinha, contro Maicon non c’è storia per nessuno. Oggi e forse anche in tutti i tempi: un terzino che definire tale è riduttivo, mai visto un giocatore di fascia essere così determinante, presente ed influente nello sviluppo della manovra. Queste sono le sue serate: ed è uno che il Bayern lo ha già battuto. 2 volte, non in occasioni qualunque. MAICON

MANOLAS-BOATENG – Ne riparleremo fra un paio di stagioni, ma oggi il Campione del Mondo Jerome Boateng ha la meglio. Le ottime prestazioni del greco ai Mondiali e nell’Olympiacos prima, ma soprattutto le prime in maglia giallorossa hanno già fatto dimenticare Benatia. Il tedesco ha dalla sua esperienza ed abitudine a giocare partite di questo tipo, oltre ad un’esplosività e fisicità pazzesca: abile anche coi piedi, come dimostra il gol vincente all’esordio col City. BOATENG

ASTORI-DANTE – Dovrebbe giocare il brasiliano anzichè l’attesissimo ex Benatia. Non neghiamo che a noi che dobbiamo scrivere questo articolo faccia piacere, in quanto l’ago della bilancia sarebbe andato a favore del marocchino. Noi prendiamo l’italiano, per diligenza, eleganza ed attenzione nella marcatura. Cosa che non si può dire per il brasiliano, soggetto e non poco a “cappellate” di dimensioni epiche: in giornata sarebbe inferiore a pochi, ma è un cocnetto poco adatto ad un difensore di una grande squadra. ASTORI

COLE-ALABA – Che giochi l’inglese, Holebas, Torosidis o chi per loro vince l’austriaco. Solo 22 anni ed un palmareis ed esperienza da fare invidia ai pluripremiati trentenni. Rigorista, piede sinistro vellutato ed una tecnica mista a velocità strabiliante per un terzino. Unico neo la fase difensiva non sempre eccelsa, Gervinho sarà n osso duro. ma dopotutto, quanto spesso nell’arco di una aprtita il bayern si deve difendere? ALABA

DE ROSSI-XABI ALONSO – Sfida fra titani, ma non è per patriottismo che scegliamo l’italiano. La differenza di età conta relativamente, prendiamo De Rossi per l’incredibile versatilità e completezza di questo giocatore: ugualmente abile in entrambe le fasi, tatticamente fondamentale come difensore aggiunto e sempre propenso agli inserimenti. Xabi con gli anni ha perso qualcosa in fase dinamica, ma resta inarrivabile con Xavi e Pirlo quando si tratta di creare gioco. DE ROSSI

LAHM-NAINGGOLAN – Il belga si sta imponendo come uno dei centrocampisti più completi e costanti in Europa, ma giù il cappello dinnanzi a Lahm. Si è reinventato centrocampista con Guardiola, grazie ad un’intelligenza calcistica con pochi eguali e dei piedi sprecati per un terzino. Interpreta il ruolo a modo suo, ma averlo in mezzo al campo ed in qualunque ruolo è garanzia di qualità e rendimento assoluti. LAHM

PJANIC-GOTZE – Il gol decisivo nella finale dei Mondiali non ci farà cambiare idea, Pjanic tutta la vita Il bosniaco con Garcia si è consacrato, non ha cominciato alla grande la stagione ma può essere la sua partita. Gotze tende ad essere evanescente e ad estraniarsi dalla manovra, gioca per le assenze di Ribery e Schweinsteiger: più velocità dalla sua, poi stop. La classe, tiro dalla distanza e visione di gioco di Miralem è superiore. PJANIC

MULLER-GERVINHO – Per motivi diversi un accostamento che divide: chi vorrebbe sempre Gervinho per i suoi strappi letali, chi prenderebbe Muller per l’incredibile concretezza che manca all’ivoriano. Noi scegliamo il tedesco, anche lui di un intelligenza tattica superiore, capace di ricoprire tutti i ruoli d’attacco: non bello da vedere, ma tremendamente efficace. MULLER

ROBBEN-ITURBE – Il ragazzo si farà, magari emulando proprio le gesta dell’olandese che, negli ultimi 20 anni, ha ben pochi rivali nel suo ruolo. Dobbiamo scomodare i vari Messi e Cristiano Ronaldo per trovare un altro giocatore capace di entusiasmare ed accendere le folle come lui: non servono spiegazioni ed ulteriore parole per motivare la scelta. ROBBEN

TOTTI-LEWANDOSKI – Modi diversissimi di ricoprire il ruolo, di pensare il calcio, di essere determinante. Ma accusateci di parzialità. di essere dei romanticoni: Totti tutta la vita, il resto è noia. Con il polacco il bayern ha il terminale adatto, abile tecnicamente e nel gioco aereo, esperto seppur ancora giovane. Ma quello dall’altra parte col n.10 ce lo abbiamo solo noi. TOTTI

In diretta dalle ore 20.45 su www.SportCafe24.com e sul canale youtube RadioSportCafe24, potrete seguire la radiodiretta di Roma-Bayern Monaco, gara valida per la terza giornata del Gruppo E di Champions League. Avrete inoltre la possibilità di interagire in diretta attraverso la fanpage Facebook, e su Twitter con l’hashtag #askSportCafe24. Non perdete le emozioni dell’Olimpico con la diretta esclusiva di SportCafe24!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *