Alex Rivolta
No Comments

Pagelle di Sassuolo-Juventus 1-1: Zaza vede rosso, Pirlo è impalpabile

La Juventus dopo 6 vittorie consecutive si pianta al Mapei Stadium di Reggio Emilia contro un bel Sassuolo trascinato dalle Zaza e Consigli

Pagelle di Sassuolo-Juventus 1-1: Zaza vede rosso, Pirlo è impalpabile
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Primo mezzo passo falso per i campioni d’Italia della Juventus che trovano solamente un pareggio contro il Sassuolo nell’anticipo della settima giornata di serie A, tra i bianconeri nonostante la grossa mole di occasioni create dalla squadra soprattutto nel primo tempo, non hanno brillato alcuni giocatori chiave primo fra tutti Andrea Pirlo e Patrice Evra decisamente a disagio come esterno a 5. Per gli emiliani super prestazione di Simone Zaza che timbra per la seconda volta contro la squadra che controlla il suo cartellino e per il portiere Andrea Consigli che con le sue parate mette una pezza alle lacune di una difesa spesso disattenta soprattutto nella prima frazione.

PAGELLE SASSUOLO:

Consigli 7: Partita da vero numero 1 per l’ex portiere dell’Atalanta che dimostra ancora una volta di essere un giocatore decisamente sottovalutato visto che il suo rendimento è di alto livello da anni e probabilmente, senza nulla togliere al Sassuolo, sarebbe pronto per altri palcoscenici. Decisivo su Pogba e su Tevez in più occasioni

Acerbi 6: Probabilmente il migliore del pacchetto difensivo neroverde, si mette in luce per la puntualità negli interventi che spesso è mancata ad alcuni suoi compagni di reparto

 Cannavaro SV – Sfortunato a farsi male dopo dieci minuti di gara (10′ Antei 6 : Buttato nella mischia di corsa per il ko di Cannavaro ci mette un pò a carburare, prestazione in crescita )

Terranova 5: In enorme difficoltà per quasi tutta la gara, viene in parte salvato dalla prestazione di Vrsaljko che si deve sdoppiare per correggere anche i suoi difetti

Longhi 6: Meglio in copertura su Lichtsteiner che in fase propositiva, è fortunato quando Zaza trasforma in gol il suo assist che in realtà sembrava più che altro un tiro in porta

Missiroli 5,5: Deve vedersela con Pereyra che a conti fatti è risultato uno dei migliori della Juventus e non riesce a fermarlo spesso, in fase offensiva non si fa mai vedere (79′ Taider: SV)

Magnanelli 6+: Sicuramente il migliore dei centrocampisti di Di Francesco, riesce a gestire i ritmi della squadra in entrambe le fasi anche aiutato dal buon rendimento complessivo del reparto

Vrsaljko 6,5: Mezzo punto in meno perchè come dichiarato anche dal suo allenatore andava espulso nel primo tempo per la gomitata in faccia a Tevez – che non l’ha presa bene – in campo però è indubbiamente fra i migliori in entrambe le fasi coprendo le lacune di Terranova e dominando spesso il confronto con Evra

Berardi 6,5: Non è letale in zona gol ma ogni volta che il Sassuolo recuperava palla era bravissimo a far ripartire l’azione palla al piede e anche in fase di copertura ripiega tanto e bene sui giocatori della Juventus

Zaza 7+: SPORTCAFE24 MVP Ormai è evidente che quando gioca contro i bianconeri da qualcosa in più. Dopo diverse prestazioni scialbe prima della sosta, il centravanti azzurro tira fuori una prestazione da grande attaccante mettendo in difficoltà la retroguardia juventina in più occasioni e mostrando come probabilmente sarebbe cosa buona e giusta se la Juventus a giugno mettesse sul piatto i 15 milioni di euro che serviranno per riportarlo a Torino. Sicuramente è pronto al grande salto.

Sansone 6: Un altro di quei giocatori che quando vede le grandi squadre si trasforma, ieri tanto sacrificio ma meno lucidità in fase di spinta, nel complesso una prova sufficente (70′ Biondini 6).

PAGELLE JUVENTUS: 

Buffon 6: Non ha colpe sul gol di Zaza a cui invece para un buon tiro respingendolo coi pugni, per il resto fa lo spettatore.

Ogbonna 6,5: Fa strano dirlo dopo le tantissime difficoltà del primo anno ma l’ex capitano del Torino più passano le partite e più migliora le sue prestazioni. Ieri il migliore del terzetto difensivo.

Bonucci 6: In difesa non fa sbavature ma con Pirlo in difficoltà non si fa vedere a sufficenza in fase di costruzione.

Chiellini 6: Come per Bonucci in fase difensiva è puntuale ma non spinge quando la Juventus cerca il gol.

Lichtsteiner 5,5: Tamponato in maniera più efficace di quanto accade di solito contro le piccole del nostro campionato, ha il solito problema di non piazzare cross precisivi quando arriva in zona gol.

Pereyra 6+: E’ un voto ridotto perchè sbaglia un paio di ottime occasioni in zona gol che lo avrebbero consacrato nella serata di Reggio. Per il resto insieme a Pogba è indubbiamente il migliore del centrocampo bianconero

Pirlo 5-: Nel primo tempo ha più libertà di manovra ma non eccelle, nella ripresa via via sparisce e anzi rischia di regalare contropiedi agli emiliani. Decisamente appanato. (Giovinco 6: gioca 10 minuti e francamente è abbastanza scandaloso visto il rendimento che sta avendo nell’ultimo periodo. Non crea granchè ma se fosse entrato prima probabilmente sarebbe stato decisivo)

Pogba 7: Uno strapotere fisico del genere poche volte si vede su un campo da calcio di questo livello, fa letteralmente quello che vuole quando decide di puntare verso la porta. Peccato per lui che dopo un’azione in cui si porta dietro tutta la retroguardia del Sassuolo si fa ipnotizzare da Consigli per quello che sarebbe stato il suo secondo gol.

Evra 5: C’è un errore di fondo che Allegri deve capire in fretta ed è che l’ex United non è un esterno di centrocampo bensì un terzino, paradossalmente appena lo sostituisce la squadra passa a 4. Male utilizzato. (60′ Marchisio 5,5: entra quando la Juventus inizia a cambiare istericamente modulo tattico e non riesce a dare il solito contributo).

Tevez 6,5: Il solito guerriero, cattivo su ogni pallone e con la forza di dominare fisicamente anche giocatori più grossi di lui, gli manca solo il gol

Llorente 5-: Insieme ad Evra è un altro degli errori che sta facendo Allegri impuntandosi sulla brutta copia del 3-5-2 contiano. Lo spagnolo nonostante la forma non sia delle migliori continua ad essere relegato a fare la boa per le sponde e soprattutto a fare a sportellate con tutti i difensori che gli capitano. Vederlo imbeccato con palloni alti sulla corsa è una cosa senza senso quando poi, appena viene cambiato, iniziano ad arrivare i palloni alti in area di rigore che stranamente latitano quando l’ariete spagnolo è in campo.

Coman 5: Entra al posto di Llorente e riesce a fare poco anche a causa della confusionale manovra bianconera degli ultimi minuti di gara.

Alex Rivolta

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *