Francesco Lorusso
No Comments

Half-Life 3, da speranza ad ossessione nerd

Chris Salem e Kyle Mazzei ci mostrano dove può spingere l'attesa per Half-Life 3, il terzo capitolo, solo previsto, di una delle saghe più amate

Half-Life 3, da speranza ad ossessione nerd
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Vogliamo Half-Life 3!”. Frase ripetuta chissà quante volte, pensiero comune di chi, come il sottoscritto, ha giocato nell’ormai lontano 2007 l’Episode Two di una delle saghe più amate della storia dei videogiochi. Alcuni hanno ormai perso la speranza di vedere il titolo più atteso di tutti i tempi, altri sono ottimisti, e quantomeno si augurano che ci sia almeno qualche idea di produrre il terzo capitolo delle avventure di Gordon Freeman. E poi c’è chi è passato dalle parole ai fatti. “We Want 3”, avranno pensato Chris Salem e Kyle Mazzei, quando hanno lanciato la loro campagna di crowfunding per Half-Life 3 su Indiegogo.

Il camioncino dell'iniziativa di Half-Life 3

Il camioncino dell’iniziativa di Half-Life 3

VOGLIAMO IL 3 – Lanciare una campagna di finanziamento collettivo per un determinato prodotto ormai è una pratica abbastanza comune, usata da piccoli team e sviluppatori che, grazie all’aiuto di normalissime persone, riescono a realizzare i propri sogni, senza l’aiuto di grossi publisher e finanziatori. La cosa che sicuramente fa pensare, riflettere in qualche modo, è che i sopraccitati ragazzi abbiano lanciato una campagna per far realizzare un prodotto che ufficialmente non è stato mai annunciato, come Half-Life 3, ma di cui si da la futura uscita quasi per scontato. La quota fissata è di ben 150.000 dollari, ma il “progetto” andrà in porto anche se la cifra raggiunta sarà più bassa: diversi i mezzi che verranno usati in base alla cifra disponibile, da un camion che girerà intorno alla sede principale di Valve fino ad, e questa potrebbe essere l’idea più interessante, un concerto che ospiterà le più grandi menti musicali della storia dei videogiochi.
Una iniziativa quantomai bizzarra e interessante, per un gioco che negli anni continua a vivere nella sua leggenda, senza mai mostrarsi veramente.
Sembra che non sia giunto di nuovo il momento per il signor Freeman di svegliarsi, ammesso che non venga disturbato da qualche fan arrabbiato.

Quando la passione raggiunge livelli quasi ossessivi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *