Enrico Cunego
No Comments

Italia brutta ma vincente: a Malta decide Pellé

Quattro legni colpiti dagli azzurri, che però hanno prodotto ben poco in avanti. Nel finale espulso Bonucci, che salterà la prossima gara contro la Croazia

Italia brutta ma vincente: a Malta decide Pellé
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Brutta Italia vista con Malta. La Nazionale di Antonio Conte è sembrata stanca e priva di idee, soprattutto in fase offensiva: il reparto avanzato infatti ha prodotto ben poco, nonostante i quattro legni colpiti. A decidere la gara un gol dell’esordiente Graziano Pellé.

Il tabellino della gara:

Malta (3-5-2): Hogg 6; Agius 6,5, Camilleri 6, Alex Muscat 6,5; Paul Fenech 6, Mintoff 5,5 (27′ st Baldacchino 6), Failla 7 (93’Bezzina s.v.), Briffa 6, Rowen Muscat 6,5; Mifsud 6, Schembri 5,5. A disposizione: Haber, Vella, Grioli, Zach Muscat, Cohen, Kristensen, R. Fenech, Pisani, Scicluna, Farrugia. Allenatore: Ghedin

Italia (3-5-2): Buffon 6; Darmian 5,5, Bonucci 5, Chiellini 6; Candreva 4,5, Florenzi 5,5 (14′ st Aquilani 5), Verratti 5,5, Marchisio 6, Pasqual 6; Pellé 7, Immobile 5,5 (20′ st Giovinco 6,5). A disposizione: Sirigu, Perin, Ogbonna, Ranocchia, De Sciglio, Parolo, Poli, Pirlo, Destro, Zaza. Allenatore: Conte

Arbitro: Hategan (Romania)

Marcatori: 23′ Pellé

Ammoniti: Briffa (M); Darmian (I)

Espulsi: 26′ Mifsud (M), 28′ st Bonucci (I)

RIVIVI LA GARA

Risultati Italia offerti da Livescore.it


LE FORMAZIONI UFFICIALI:

MALTA (3-6-1): Hogg; Camilleri, Agius, Z. Muscat; Failla, Briffa, R. Muscat, Fenech, Mintoff, Schembri; Mifsud

ITALIA (3-5-2): Buffon; Darmian, Bonucci, Chiellini; Candreva, Florenzi, Verratti, Marchisio, Pasqual; Pellè, Immobile

Italia - Ciro Immobile: punto fermo per Antonio Conte

Italia – Ciro Immobile: punto fermo per Antonio Conte

La gara è una di quelle che deve concludersi con un solo risultato possibile: una comoda vittoria. La trasferta in quel di Malta sarà un remake della sfida di una anno e mezzo fa, quando una doppietta di Balotelli permise agli azzurri di aggiudicarsi una vittoria sulla carta scontata ma davvero sudata sul campo di gioco. Il capitano e bandiera maltese Mifsud, infatti, sull’1-0 per noi sbagliò un rigore che poteva farci soffrire non poco. Oggi Balotelli non c’è più, ma contro Mifsud e compagni poco cambia: i tre punti devono obbligatoriamente arrivare. Possibilmente con un gioco migliore rispetto a quello offerto contro l’Azerbaijan, dove si è rischiato di farsi male da soli. Antonio Conte va verso 3 cambi principali, mentre il nostro connazionale Pietro Ghedin, alla guida della nazionale mediterranea dal 2012, manderà in campo lo stesso 11 che ha subito 3 reti contro la Norvegia venerdì scorso.

ITALIA – Come preannunciato, l’ex allenatore della Juve opterà per tre probabili cambi rispetto all’11 titolare sceso in campo 3 giorni fa al Barbera. Fuori Pasqual, Ranocchia e Zaza, dentro Pasqual, Ogbonna e Giovinco per una squadra che potremmo tranquillamente definire “Ital-Juve”. Termine fin troppo abusato ma azzeccato in vista della gara odierna dati i 7 titolari campioni d’Italia in carica. 100% bianco-nera la difesa: Buffon tra i pali e classico trio difensivo con Chiellini e Bonucci accompagnati da Ogbonna al posto dell’interista Ranocchia. A centrocampo sulle due fasce il fiorentino Pasqual ed il torinista Darmian, mentre la cerniera in mezzo si compone di altri due juventini come Pirlo e Marchisio oltre al romanista Florenzi, unico giallo-rosso in campo. In avanti, lo abbiamo già anticipato, coppia inedita con Ciro Immobile, ex giocatore di proprietà Juve, a fare da spalla alla creatività di Sebastian Giovinco, che con Madama vuole ottenere più spazio. In panchina scalpita Graziano Pellè: ci sono ottime possibilità per vederlo esordire con la maglia azzurra

MALTA – Cenerentola del girone e reduce da un secco 0-3 con la Norvegia, il simpatico arcipelago a sud della Sicilia punterà come in ogni gara a tentare almeno di ben figurare contro una nazionale di tale blasone. Nelle ultime qualificazioni ciò era riuscito, visto che nonostante il doppio 2-0 incassato gli uomini di Ghedin erano riusciti a mettere in difficoltà gli uomini dell’allora mister Cesare Prandelli. L’allenatore veneto punta anch’egli su un 3-5-2 con Andrew Hogg, in forza ai greci del Kalloni, in porta, difesa a 3 con Muscat, Agius e Camilleri, centrocampo che vede sulle fasce i due fratelli Fenech: Ryan e Paul. In mezzo Briffa, Failla e Rowen Muscat, in forza al Dunajvaros, squadra ungherese di prima divisione. In avanti, ad affiancare la “leggenda” Mifsud (discreta carriera in Inghilterra e Germania), c’è Andrè Schembri, militante nella seconda divisione tedesca con l’FSV di Francoforte.

STATISTICHE – 6 i precedenti tra le due nazionali. Detto dei recenti due confronti per un ticket in Brasile, nelle altre 4 gare sono sempre arrivate vittorie azzurre. Bilancio impietoso anche dal punto di vista delle reti segnate: 19 messe a referto dagli azzurri, appena 2 per i bianco-rossi. Spicca un 6-1 del 24 marzo 1993, gara valevole per le qualificazioni ai Mondiali di USA 1994. Doppietta di Mancini, gol di Baggio e Signori e gloria pure per Vierchowod e Maldini

QUOTE – Se pensate possa essere il vostro giorno fortunato, allora provate a puntare un euro sull’1 di Malta. La quota è fissata a 30. Pareggioa 12, vittoria azzurra al limite della quotazione: appena 1,05.

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *