Redazione

Sampdoria, Ferrara si presenta e promette: “Col 4-3-3 punto ad una salvezza tranquilla”

Sampdoria, Ferrara si presenta e promette: “Col 4-3-3 punto ad una salvezza tranquilla”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L'allenatore frena sui nomi in entrata

GENOVA, 5 LUGLIO – E’ ufficialmente iniziata l’avventura di Ciro Ferrara sulla panchina della Sampdoria. Nel corso della conferenza stampa di presentazione, il neo-tecnico blucerchiato ha affrontato diversi temi: ha  ringraziato la FIGC per averlo liberato dal vincolo contrattuale che lo legava alle U-21, ha parlato di mercato e pensato alle prime soluzioni tattiche con un occhio rivolto al futuro, suo e della Samp.

IL SI’ ALLA SAMP – Ferrara si è detto felice della sua nuova avventura: “E’ doveroso da parte mia ringraziare la proprietà per la grande opportunità che mi viene concessa. Credo che non ci fosse soluzione migliore per Ciro Ferrara tecnico e persona. Ho detto sì alla Sampdoria per la serietà della proprietà, questo il primo motivo. La trattativa non è stata molto lunga. Ci siamo incontrati una settimana fa, abbiamo parlato un paio d’ore dei programmi societari e in due minuti è stato chiuso il discorso economico. Io sono molto felice. Credo, lo ripeto, che non ci potesse essere matrimonio migliore per le mie caratteristiche. Spero di raggiungere gli obiettivi che mi sono stati chiesti”.

RINGRAZIAMENTO ALLA FIGC – Dopo l’avventura non certo positiva alla guida della Juventus, la FIGC ha creduto in Ferrara per riportare in auge l’U-21. Ecco il ringraziamento dell’allenatore della Samp: “Grazie alla Federcalcio, che mi ha concesso di potermi liberare per poter acquisire questo nuovo ruolo. La mia storia si chiude con la Nazionale, ma ho ricevuto tanto dalla Federazione, perché in un momento particolare mi hanno chiamato. Devo ringraziare tutti coloro che sono stati con me in un percorso durato quasi due anni. Ho ritrovato quell’entusiasmo e quegli stimoli che mi hanno portato qui alla Sampdoria”.

PAZZINI E…DEL PIERO – In queste ore è sempre più insistente il nome di Pazzini: “Andiamoci piano con i nomi, anche se è vero che molti giocatori, anche fra i top-player, sono affascinati all’idea di vestire la maglia della Sampdoria. Cerchiamo comunque di mantenere i piedi per terra. Il mercato, quest’anno, è ancora più difficile rispetto alla stagione passata. L’obiettivo è quello di rimanere in serie A senza tribolare. L’idea di gioco? Un 4-3-3 di base. C’è bisogno di conoscere sul campo le caratteristiche dei ragazzi, ma l’idea è quella di un centrocampo a tre, con quattro difensori. Per l’attacco si possono valutare soluzioni diverse”. Su Del Piero “Mi sembra fantacalcio, visto che lui ha dichiarato di non vedersi con un’altra maglia vestita per vent’anni”.

Michele Lestingi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *