Dario Di Ponzio
2 Comments

L’Italvolley ringrazia la Russia e vola in semifinale

Italvolley che grazie al set vinto dalle Russe si ritrova in semifinale e sogna di salvarsi dal Brasile...

L’Italvolley ringrazia la Russia e vola in semifinale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo l’impresa di mercoledi, nel quale l’Italia era riuscita a sbarazzarsi delle forti statunitensi con un importante 3-0, l’Italia continua le sue ormai quotidiane ottime notizie riuscendo ad arrivare in semifinale pur senza giocare.
L’Italvolley deve ringraziare la nazionale russa, capace di perdere 3-1 contro le stesse americane ma che allo stesso tempo grazie al set vinto riescono a far qualificare la nazionale italiana.
Per l’Italia la sfida realmente decisiva però arriverà domani, quando al Forum arriverà la Russia, oro iridato nel 2006 e 2010.
L’obiettivo dell’Italia cosi diventa quello a prescindere da come andrà la gara con la Russia di vincere quantomeno 1 set, in quel caso infatti la nazionale di Bonitta riuscirebbe a qualificarsi come prima evitando il temutissimo spauracchio del Brasile nella semifinale di sabato.
Brasile che, di fatto, è l’unica nazionale ad oggi ancora imbattuta.
Oltre al Brasile nel girone avversario rimangono in pista Cina e Repubblica Dominicana, da cui le azzurre sperano di pescare il nome della propria avversaria.

Dario Di Ponzio

Share Button

2 Responses to L’Italvolley ringrazia la Russia e vola in semifinale

  1. Massimiliano 10 ottobre 2014 at 10:49

    E’ davvero tanto tanto riduttivo titolare che le nostre ragazze debbano ringraziare qualcuno per la qualificazione, che in realtà è frutto esclusivo del lavoro, della tenacia e della bravura che hanno messo in campo. Anche una foto della nazionale attuale e non una di archivio non avrebbe guastato. Giusto per il rispetto che questo sport merita.

    Rispondi
  2. Antonio Casu 10 ottobre 2014 at 11:14

    La ringraziamo per la segnalazione. Provvederemo a sostituire la foto di copertina. Sottolineare l’importanza di questo sport è sacrosanto. Continui a seguirci

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *