Enrico Cunego
No Comments

Milan: Khedira è sogno o realtà?

Il centrocampista tedesco è prossimo alla scadenza di contratto con il Real Madrid. Galliani può riuscire nell'ennesimo colpo a parametro zero? L'Arsenal è in agguato

Milan: Khedira è sogno o realtà?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Adriano Galliani: l'intesa con Florentino Perez gioverà alla riuscita dell'accordo?

Adriano Galliani: l’intesa con Florentino Perez gioverà alla riuscita dell’accordo?

Un’incantevole suggestione all’orizzonte. E’ quella del campione del mondo in carica Sami Khedira, al centro dell’attenzione nelle ultime ore per le insistenti voci provenienti da tutta Europa riguardanti un interessamento del Milan nei confronti del centrocampista prossimo alla scadenza di contratto col Real Madrid, scadenza fissata per giugno 2015. Lo spagnolo As, il sito francese le10sport.com ed i tabloid inglesi parlano infatti di questa possibile alternativa, citando inoltre la riconosciuta bravura di Adriano Galliani nel trattare giocatori a prezzi contenuti se non nulli. Questa volta però non stiamo parlando di un giocatore di seconda fascia o la cui carriera deve essere rilanciata, bensì di un campione del mondo in carica, autentico cervello del centrocampo teutonico e tra i protagonisti assoluti dei successi “blancos” in questi ultimi 5 anni. Un vero e proprio “top player” in grado di fare il salto di qualità. Certamente l’ipotetica trattativa non si preannuncia assolutamente facile, per questo analizzeremo la situazione attraverso gli aspetti pro e contro la società meneghina.

RAPPORTI SOLIDI – La situazione dell’ex Stoccarda alla corte di Carlo Ancelotti non è delle più rosee attualmente. Dopo aver passato un’annata minata in maniera pesante da infortuni di gravissima portata (che comunque non gli hanno precluso di giocare un ruolo importante nei successi con Real Madrid e Germania), quella attuale è se possibile ancora peggiore. Gli acquisti estivi di Toni Kroos dal Bayern Monaco e di James Rodriguez dal Monaco hanno definitivamente tagliato un posto da titolare per il tedesco con origini tunisine. Il centrocampo voluto da Carlo Ancelotti vede i già citati nuovi innesti in compagnia di Luka Modric. Per Khedira finora solo briciole: appena 30 minuti per 2 spezzoni di gara, una vera e propria miseria. Chiaro che si sia inevitabilmente creata una tensione tra giocatore e società: Sami ha già rifiutato il rinnovo del contratto e pertanto bisogna già immaginarselo con un’altra maglia in vista della prossima stagione. E qui entra in gioco il Milan. Ad agosto a Milano è arrivato (sempre a costo 0) il nuovo numero 1 dei rossoneri, quel Diego Lopez che ha lungo conteso la maglia da titolare ad Iker Casillas in queste ultime 2 stagioni. Un affare importante e significativo che ha solidificato l’immagine di buoni rapporti che intercorrono tra madrileni e lombardi, con Florentino Perez che quindi può dimostrarsi un valido alleato per una futura cessione. Adriano Galliani conta enormemente su questo aspetto, sperando inoltre in un’ottima stagione da parte del gruppo allenato da Filippo Inzaghi. Un possibile approdo in Champions League potrebbe invogliare in maniera rilevante Khedira, che potrebbe così diventare perno fondamentale in un club in cerca di rilancio. Ma ovviamente non solo il Milan è interessato a lui

PERICOLO GUNNERS – Arsene Wenger ci aveva già provato in estate. All’Arsenal vogliono ricomporre la coppia tedesca Mesut Ozil-Sami Khedira. Il tecnico alsaziano stravede per l’ex Stoccarda, considerato fondamentale per far rinforzare al meglio il centrocampo londinese. La squadra inglese pare avvantaggiata rispetto ai rossoneri e pare che Wenger abbia già un accordo verbale con il giocatore, da perfezionare e certificare per gennaio 2015, quando i giocatori in scadenza di contratto potranno già cominciare a parlare con altri club. Ma l’aspetto più importante in tutta questa vicenda è ovviamente legato allo stipendio del giocatore. Al Real Madrid il tedesco percepisce 5 milioni a stagione, tetto pesante per una società come il Milan, dove il tetto massimo è fissato a 4. L’Arsenal, che al momento pare avere più risorse economiche e finanziare a disposizione, pare decisamente più disposto a soddisfare richieste economiche simili. Un nodo fondamentale su cui si giocherà il futuro del tedesco. Come si evolverà la situazione nei prossimi mesi?

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *