Raffaele Caiffa
No Comments

Atp Shanghai day 2: Fognini, dito medio da censura. Murray c’è

Concluso il primo turno all' Atp Shanghai, Fognini sfigura per il risultato ed il comportamento, Murray prova positiva, Simon rimonta, Gulbis ko

Atp Shanghai day 2: Fognini, dito medio da censura. Murray c’è
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Si è concluso oggi con il day 2, il primo turno all’Atp Shanghai o meglio noto Shanghai Rolex Masters 1000.

Atp Shanghai : Murray c'è

Atp Shanghai : Murray c’è

A Shanghai Julien Benneteau rimonta lo svantaggio iniziale del primo set vincendo contro il cinese Z.Zhang per 5-7, 6-3, 6-3, buona prova per il numer 30 del mondo. Cade invece Ernest Gulbis, il lettone era in lizza per un posto al Master ma dopo l’eliminazione al primo turno del torneo cinese deve abbandonare le speranze di un pass per Londra: lo sgambetto di Mikhail Youzhny ha spiazzato il numero 13 del mondo che si arrende 6-4, 6-1 cedendo 3 turni di servizio (decimo gioco del primo set e quarto e sesto gioco del secondo parziale) e senza aver ottenuto neanche una palla break. Sofferta la vittoria di Steve Johnson, lo statunitense supera il kazako Andrey Golubev con il punteggio di 6-3, 6-1, 6-4 e se la dovrà vedere nel prossimo turno contro il connazionale John Isner. Rafael Nadal sfiderà (problemi di appendicite permettendo) l’amico e compagno di Davis Cup Feliciano Lopez che oggi è riuscito a rimontare contro Kokkinakis perdendo il primo set al tiebreak (14-12) e vincendo poi per 6-4, 6-3. Non ci stupisce affatto la rimonta di Gilles Simon, il numero 29 del mondo ci ha ormai abituati alle tante maratone tennistiche e anche oggi rimonta ribaltando il 6-3 iniziale e conquistando la vittoria per 6-0, 6-1: solito turbodiesel per il 29enne di Nizza. Vittoria in tre set per Vasek Pospisil: il canadese supera il turno contro il numero 28 del ranking Santiago Giraldo con il punteggio di 6-2, 6-7, 6-1. Martin Klizan supera S.Groth per 7-6, 6-3 mentre Ivan Dodig vince contro Pablo Cuevas 2-0 (7-5, 6-2).

Nota dolente con tanto di ennesima brutta figura per Fabio Fognini che perde 7-6, 6-4 dal numero 553 del mondo Chuhan Wang. Il 27enne di Sanremo è capace di grandi prestazioni (vittorie a Stoccarda e Amburgo nel 2013 e a Vina del Mar questo Febbraio), quanto di debacle sportive arricchendo negativamente la sconfitta di Shanghai con scenate e ingiurie contro chiunque gli capiti a tiro. A farne le spese, oggi, è il pubblico di Shanghai che parteggiando per il tennista di casa si vede rivolto il dito medio da parte del n.1 italiano, visibilmente contrariato e nervoso. Non sono certo questi gli atteggiamenti idonei da portare al mondo quando si è rappresentanti dell’Italia nei più importanti tornei al mondo. Fabio ha scagliato via varie volte la palla a punto perso esternando frustrazione e poca lucidità mentale durante e dopo gli scambi. Nel primo set scambi veloci con Fognini che non sfrutta l’unica palla break del set nell’undicesimo gioco, il tiebreak si mette male sul 5-2 a svantaggio, dopo i 2 controbreak consecutivi, la luce dell’azzurro si affievolisce nuovamente spegnendosi sul 7-5. Nel secondo parziale Fabio cede i primi 2 turni di servizio nonostante recuperi il break di svantaggio iniziale nel secondo gioco. Ancora un palla break non sfruttata sull’ 1-2 e servizio Wang, condanna l’italiano che esce fra i fischi dopo il brutto gesto rivolto al pubblico.

Il gigante Ivo Karlovic si impone su Y-H Lu per 7-6, 6-3, vince anche un altro specialista del servizio come Jerzy Janowicz che rimonta su Roger-Vasselin con il punteggio di 3-6, 7-5, 7-6. Andy Murray convince nella prestazione contro Gabashvili superando il russo per 6-1, 7-5, lo scozzese è ancora alla ricerca dei punti che gli permetterebbero di partecipare al Master di fine anno a Londra. Sorprende invece la sconfitta di Kevin Anderson per mano del kazako Kukushkin per 6-4, 6-2 ma il sudafricano era apparso poco brillante a Shanghai anche nel turno precedente vinto al terzo contro l’inglese Ward.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *