Jacopo Bertone
No Comments

Conte chiama, Pirlo risponde: il ritorno di “Mozart” in nazionale

Il numero 21 della Juventus torna a vestirsi di azzurro, su volere di Conte che della Vecchia Signora fu condottiero: impossibile rinunciare a uno come Pirlo

Conte chiama, Pirlo risponde: il ritorno di “Mozart” in nazionale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Andrea Pirlo, campione del Mondo nel 2006

Andrea Pirlo, campione del Mondo nel 2006

Se per 3 anni hai lottato, sofferto e soprattutto vinto insieme a una persona, condividendo con essa emozioni e festeggiamenti, è inevitabile che si crei un legame, una sorta di sinergia tra uomini di sport; Il primo è uno dei più grandi registi di tutti i tempi, in grado di far cose col piede destro che tanti non riescono a fare con le mani, il secondo è un tecnico che per tre stagioni non ha conosciuto che vittorie, conducendo i propri ragazzi con furore agonistico e acume tattico dall’inferno al paradiso: Pirlo e Conte, ancora insieme, anche in azzurro.

DIETRO FRONT – “E l’ultimo ballo” aveva detto alla vigilia del mondiale brasiliano, ma vuoi per l’umiliazione subita, vuoi per l’addio di Prandelli, vuoi anche per la semplice voglia di divertirsi ancora e di difendere i colori della propria nazionale, Andrea Pirlo è ufficialmente tornato in azzurro. C’è voluto il forfait di Jack Bonaventura per convincere l’ex tecnico della Juve a chiamare il classe ’79, ma va detto che se non fosse reduce da qualche acciacco il barbuto centrocampista avrebbe già fatto parte del gruppo nelle partite contro Olanda e Norvegia. Si va così a ricomporre l’asse centrale di ferro costituito da Buffon, Bonucci e Pirlo che ha fatto le fortune della Juventus, si perchè è fuori dubbio che Antonio Conte sia un tecnico che schieri sistematicamente gli uomini migliori che ha a prescindere dalla complessità dell’impegno e questi sono senza dubbio i calciatori più forti a disposizione per il loro ruolo, Andrea in primis. E’ vero anche che Azerbaijan e Malta sono avversari particolarmente probanti dal punto di vista tecnico, ma evidentemente Conte non può proprio fare a meno del suo regista, che a sua volta non riesce a dire di no a una partita, soprattutto ora che ha bisogno di incamerare minuti per riprendersi dallo stop subito: Andrea e Antonio, “Attenti a quei due”, per dimostrare di essere un’accoppiata vincente sia in bianconero…che a colori!

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *