Antonio Casu
No Comments

Juventus-Roma, la partita più “sfigata” dell’anno

Quattro gol irregolari, tre espulsi, uno strano personaggio posizionato sulla traversa ed un polverone assurdo. "Sfigati del lunedì", benvenuti in Italia!

Juventus-Roma, la partita più “sfigata” dell’anno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
E' Juventus di Leonardo Bonucci la rete più bella della sesta giornata di Serie A

Leonardo Bonucci, match-winner di Juventus-Roma

Gli italiani perdono le guerre come se fossero partite di calcio e le partite di calcio come se fossero guerre”. Lo diceva Winston Churchill, uno che Juventus-Roma probabilmente non l’ha vista. L’Italia, povera Italia: si regala uno spettacolo fantastico, ma lo rovina con mille polemiche. “La Juventus ruba!”, “La Roma sa solo piangere!”. “Gli sfigati del lunedì” osservano e ripensano al pomeriggio di fuoco vissuto ieri. Riguardano l’incontro e sorridono. L’ironia è un’arma eccezionale, specie se legata al calcio, che in fondo non è altro che un gioco. Questa è Juventus-Roma, questi sono “Gli sfigati” di oggi.

SOGNANDO GILARDINO – Il povero signor Rocchi è un incompreso: il ritmo di gara è stato altissimo, qualcuno si è stirato, qualcun altro ha sofferto in silenzio l’incubo dei crampi, concedere qualche pausa di gioco è stato un atto di buon senso! In Serie A, però, non sono previsti timeout, e quindi non gli è rimasto altro che inventarsi tre rigori! In fondo, che c’è di male? Rocchi è un martire! No, non c’erano. Maicon non ha avuto modo di amputarsi un braccio in nome dei tre punti, Totti ha abbracciato amorevolmente Lichtsteiner ben prima che il pendolino svizzero ricambiasse le attenzioni e l’atterramento di Pogba è avvenuto all’altezza dello svincolo per Voghera. E poi quelle espulsioni. Quanto è pignolo Rocchi! Garcia sognava ad occhi aperti. Non gliene fregava nulla di Juventus-Roma e pensava al grande assente del match, il povero Alberto Gilardino, confinato in Cina da diversi mesi. Chissà quante ne avrebbe messe dentro allo Stadium! Manolas e Morata, invece, discutevano serenamente su chi sarebbe andato prima in mix zone a mandare a quel paese quel rompiscatole di Sacchi. Straordineiro, Allegri li ha fregati! 

QUELLO STRANO PERSONAGGIO APPOLLAIATO SULLA TRAVERSA – Boh. In campo c’era un spettacolo fantastico e tutti ripensavano a Calciopoli. Mah! Francesco Totti, in preda a deliri da eccesso di agonismo, ad un certo punto ha notato uno strano personaggio appollaiato sulla traversa. No, non era San Pietro, mica è un film della saga di Fantozzi! Era un ex direttore generale della Juventus, un personaggio discusso fino alla nausea. Aveva un sorriso beffardo dipinto sul volto. Il campione giallorosso è convinto di averlo visto lì! La visione l’ha sconvolto e ha condizionato l’andamento dell’incontro, vinto dalla Juventus quasi in zona Cesarini. Lo osservava con curiosità anche Vidal. Ecco perché era lì, in fuorigioco, in occasione del tiro da tre punti di Bonucci! Tutti a pensar male, ed invece Juventus-Roma è stata semplicemente una partita… sfigata!

Una camomilla per tutti, il calcio è uno sport bellissimo! 

Antonio Casu 

@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *