Antonio Scali
No Comments

Caos Juventus-Roma: anche Tavecchio a favore della moviola in campo

Dopo le roventi polemiche post Juventus-Roma e gli errori di Rocchi, il presidente della Federcalcio Tavecchio invita tutti a smorzare i toni e si dice favorevole all'introduzione della tecnologia nel calcio

Caos Juventus-Roma: anche Tavecchio a favore della moviola in campo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Centinaia di Tweet polemici sul gol di Bonucci.

Polemiche per il gol convalidato a Bonucci in Juventus-Roma

Doveva essere uno spot per il calcio italiano, invece è finita tra mille polemiche, risse in campo, liti infinite sui social, nei bar, in ufficio. Juventus-Roma è stata segnata indelebilmente dalle discutibili scelte dell’arbitro Rocchi (discutibile sin dalla designazione), tanto che di calcio non si è più parlato, ma solo di rigori e gol in fuorigioco. Tra i romanisti l’allenatore Garcia è stato uno dei più polemici. Il francese, con frasi di mouriniana memoria, ha insistito sulla necessità, ormai palese a tutti, di cedere all’aiuto della tecnologia. A differenza di molti altri sport, il calcio rimane anacronisticamente legato alla tradizione e quindi allergico a moviole, instant replay et similia, ma dopo la partita di ieri anche i più irriducibili si stanno ricredendo.

LE PAROLE DI TAVECCHIO – In tal senso, sono rilevanti le parole del presidente della Federcalcio Carlo  Tavecchio, il quale ha provato innanzitutto a stemperare i toni e si è detto disposto a farsi promotore di una richiesta ufficiale alla FIFA per introdurre al più presto la tecnologia in campo: «Innanzitutto voglio rivolgere un invito a tutte le parti in causa affinché si abbassino i toni e si accetti l’errore umano degli arbitri così come quello degli allenatori e dei calciatori». Poi ha aggiunto: «Sono convinto che la nostra classe arbitrale sia tra le migliori: per aiutarla ancora di più intendo farmi promotore di una richiesta alla FIFA al fine di accelerare l’iter che prevede l’introduzione della tecnologia per dirimere i casi dubbi sul posizionamento dell’evento falloso al limite dell’area di rigore, offrendo anche la nostra disponibilità per un’eventuale sperimentazione». L’iter è ovviamente complesso e difficilmente Tavecchio potrà cambiare le cose, ma gli va dato atto di aver preso una posizione netta e non conservatrice. Blatter, nuovamente in corsa per il vertice della FIFA, ha lasciato ampi spiragli di apertura sul tema, resta da convincere Platini, presidente dell’Uefa.

GLI ALTRI SPORT INSEGNANO – Eppure basterebbe guardare oltre la punta del proprio naso e fare il confronto con gli altri sport per rendersi conto che è il calcio a doversi adeguare. Il rugby, la pallavolo, il basket con l’instant replay, il tennis con l’occhio di falco, hanno eliminato dubbi e polemiche con l’introduzione, da anni, di strumenti che in poco tempo aiutano il lavoro degli arbitri e fanno chiarezza in caso di incertezza. Quando il mondo del pallone capirà di essere in difetto e deciderà di cambiare, il lunedì, forse, torneremo a parlare di calcio giocato.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *