Jacopo Bertone
No Comments

Di Vaio si ritira: le tappe fondamentali del viaggio

L'attaccante ex-Juve, dal 2012 al Montreal Impact, decide di appendere gli scarpini al chiodo dopo quasi 20 anni di professionismo

Di Vaio si ritira: le tappe fondamentali del viaggio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Marco Di Vaio ai tempi della Lazio

Marco Di Vaio ai tempi della Lazio

675 partite, 259 goal, 11 squadre cambiate, 7 trofei conquistati, 14 presenza in Nazionale: questi i numeri della fantasmagorica carriera di Marco Di Vaio, bomber giramondo tanto efficace quanto sottovalutato, conclusasi ufficialmente nella giornata di ieri perchè è vero che a 38 anni si può giocare ancora alla grande (Totti docet…) ma non esiste solo il calcio nella vita; Vi raccontiamo le tappe fondamentali del lungo percorso dell’attaccante romano, che ha lasciato un buon ricordo in ogni posto dove è stato, conquistando con mentalità operaia e classe sopraffina il cuore di tutti i tifosi.

LA LAZIO E ZEMAN – Cresciuto nelle giovanili biancocelesti, Di Vaio trova spazio a partire dalla stagione 94-95, quando mister Zeman gli concede di scendere in campo in 13 occasioni, non poche per un ragazzo di 18 anni, venendo ripagato con 3 goal: il primo, contro il Padova all’Olimpico, rimarrà sempre nella memoria di Marco così’ come i colori laziali, che non ha mai fatto mistero di amare in maniera particolare, lui che nella stagioni successive rifiutò in più occasioni la Roma.

L’ESPLOSIONE A SALERNO – Dopo due anni agrodolci tra Verona e Bari, è con i granata che Di Vaio esplode definitivamente conquistandosi lo status di titolare inamovibile a suon di goal: 21 nella stagione della promozione in Serie A, 12 in quella della conferma ad alti livelli, per altro fallita se è vero come è vero che la Salernitana a fine anno retrocede, ma non tutto è perduto…

GLI ANNI D’ORO A PARMA – Viene acquistato dal Parma, società in grande ascesa della massima serie, che gli permetterà di fare il salto di qualità definitivo e di conquistare trofei prestigiosi come la Coppa Italia e la Supercoppa italiana, i primi nella carriera di Di Vaio, che non è alto, non è grosso, non è il più veloce di tutti, ma vede la porta come nessuno e questo nel calcio conta : 56 reti in 3 anni, numeri da capogiro per uno che era stato etichettato come “deludente”, invece il guastatore classe ’76 si dimostra all’altezza dei grandissimi e si specializza nelle azioni di contropiede, concluse sempre con il mortifero piede destro con cui Marco è in grado di eseguire tanto semplici tap-in quanto micidiali saette dal limite dell’area.

LA JUVE E L’EUROPA – Nel 2002 lo sceglie la Juve, che gli regala uno Scudetto e una Supercoppa italiana, ma l’esperienza in bianconero non decolla mai del tutto ed ecco che si presenta l’occasione Valencia, con la quale Di Vaio si porta a casa una Supercoppa europea. Dopo diversi diverbi con l’allenatore, si opta nuovamente per un trasferimento altrove e si sceglie il principato di Monaco, con risultati a dir poco modesti…

ARRIVA IL ROSSOBLU’ – Il Genoa ha bisogno di un bomber per tornare in serie A e Marco risponde presente, centrando ancora una volta l’obiettivo. Il presidente Preziosi, si sa, è incline al cambiamento ed ecco che Di Vaio cambia maglia, ma non colori: si trasferisce al Bologna, squadra interessante ma un po’ in difficoltà. Per 4 anni è l’anima, il cuore e la bandiera di un’intera città, indimenticabile la doppietta con cui stende la Juventus, ex-fidanzata con cui era rimasto in rapporti più che scricchiolanti, e non è un caso se una volta abbandonata l’Emilia c’è voluto poco perchè la squadra salutasse la massima serie, orfana del suo capitano.

INFINE IL CANADA – L’ultima tappa del viaggio è il Canada, con cui ha avuto modo di dividere lo spogliatoio con Nesta e Ferrari, ex avversari di mille battaglie sui campi di Serie A, ma ormai erano lontani gli anni d’oro e Di Vaio ha scelto di smettere: ogni appassionato di calcio non potrà che essere triste perchè di calciatori così e soprattutto di UOMINI così non se ne vedono più molti sui rettangoli verdi, la priorità va al denaro e alla notorietà, non al gonfiarsi della rete o al sudore della maglia; Onore a Marco quindi, che con la sua classe e la sua intelligenza si è sempre distinto in oltre 20 anni di professionismo: chissà che non lo attenda un futuro da dirigente..?

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *