Enrico Steidler
No Comments

Francesco Totti, “core” del calcio

Totti sta al football come Jimi Hendrix sta al rock. Elogio di un eterno campione, capace di illuminare anche i cuori della perfida Albione

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tutti vivono la storia, ma nell’Olimpo di chi la scrive solo pochi hanno il privilegio di entrare. In questa ristretta e prestigiosa élite, Francesco Totti ha fatto il suo trionfale ingresso già da mò, e tuttavia – e fortunatamente – non ha ancora perso la voglia di farci vedere il perché.

Francesco Totti, un "pupone" nella leggenda

Francesco Totti, un “pupone” nella leggenda

VENI, VIDI E…NUN VE LO SCORDERETE… – Ha ragione Zeman: Totti non è uno dei più grandi e straordinari talenti della storia del calcio, Totti è il calcio, e se un alieno appena piombato sulla Terra ci chiedesse che cos’è questo sport che ci rende tutti un po’ bambini, questo strano gioco che ci ha rapito l’anima e non l’ha più restituita, noi potremmo cavarcela racchiudendo la risposta in due sole, semplici parole: Francesco Totti. Il calcio – caro alieno – è Francesco Totti da Roma, un giocatore eterno come la città che lo ha regalato al mondo, sembianze umane ma natura “divina“. Ieri sera in quel di Manchester, e in quel Paese dove non era mai riuscito a segnare neppure un gol, il record-man della squadra giallorossa (realizzare un gol in Champions League a 38 anni suonati, impresa mai riuscita a nessuno, è solo l’ultimo in ordine cronologico di una lunga serie di primati) ha fatto letteralmente luce, e ne ha fatta così tanta – e così abbagliante – da rendere superflui i riflettori. Se ci fosse stato un improvviso black-out, infatti, noi avremmo continuato a vedere un “Sole” circondato da tante stelline ridotte a pianeti che brillano di luce riflessa, un principio attivo capace di far sembrare miseri eccipienti gente come Aguero, Dzeko, Pjanic e Maicon.

DOVE OSANO GLI DEI – E quando Zabaleta & Co. hanno finalmente capito che il “Sole” andava offuscato al più presto prendendolo a randellate, era ormai troppo tardi per cancellare gli effetti della scottatura. Un segno indelebile, ecco cosa ha lasciato ieri sera Francesco Totti in terra inglese, e non si parla solo del suo gol da antologia, of course (guardatelo e riguardatelo: in pochi secondi c’è tutto il meglio del calcio, un autentico concentrato di classe, astuzia, freddezza e istinto da cobra) ma dell’intero repertorio di un genio inimitabile: tocchi deliziosi, visione di gioco a 361 gradi, velocità di pensiero supersonica e assist telecomandati. Qualunque cosa facesse, il numero 10 giallorosso era come Jimi Hendrix: spettacolo allo stato puro, presenza “magnetica” e capacità quasi sovrumana di rendere “facile” anche l’impossibile.

La prova di Totti nel tempio dei campioni d’Inghilterra, in fondo, è stata come un assolo lunghissimo, bellissimo e indimenticabile. Roba che solo a Woodstock, diciamolo. Ma anche a Manchester.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *