Orazio Rotunno
No Comments

Juventus-Roma, Iturbe-Pirlo: tornano, ma chi serve di più?

Iturbe e Pirlo pronti al rientro, l'argentino già in Champions col City mentre il bresciano aspetta la Roma nel posticipo

Juventus-Roma, Iturbe-Pirlo: tornano, ma chi serve di più?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Due ritorni eccellenti, due assenze pesanti che però sembrano non aver inciso sulle prestazioni delle rispettive squadre, visto che praticamente tutte le partite sono state vinte da Juventus e Roma senza Pirlo ed Iturbe. Ma quale dei due rientri può risolvere più “problemi” ai due allenatori? E chi “crearne“? A vedere i precedenti la risposta sembra scontata, ma non solo: tutto lascia pensare che questa stagione possa essere la più difficile dell’era bianconera di Andrea Pirlo.

ITURBE GIA’ COL CITY IN CHAMPIONS, PIRLO PER IL BIG MATCH – L’argentino è stato convocato da Rudi Garcia per la trasferta di Manchester con il City di mercoledì sera, partirà dalla panchina ma sembra avere più minuti di Pirlo nelle gambe. Quest’ultimo sembrerebbe ancora in ritardo, un po’ per l’età ma soprattutto per un infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per oltre un mese a differenza dell’ex Verona, uscito col Cska nemmeno 2 settimane fa. Entrambi hanno alternative di lusso, soprattutto Allegri che può contare su di un Claudio Marchisio sorprendente in cabina di regia, frenato nei suoi classici inserimenti in zona-gol ma pur sempre efficace coi tiri dalla distanza come dimostrato alla seconda giornata contro l’Udinese, Ovvio, di Pirlo al mondo non ve ne sono, ben che meno nella Juve, ma in passato Allegri ha già dimostrato di poterne ( e volerne?) fare a meno per un Van Bommel qualunque: figuriamoci per uno dei migliori centrocampisti in Europa quale il “principino“. L’allenatore toscano predilige un giocatore fisico e di qualità davanti alla difesa, Marchisio è l’esatta via di mezzo fra tale prototipo e Pirlo, ma sicuramente più vicino alle richieste dell’ex tecnico rossonero. Ritrovare la titolarità assoluta degli ultimi 3 anni per Pirlo sarà impresa ardua, certamente non a partire dal match con la Roma di domenica pomeriggio. Certamente più importante il recupero di Iturbe per la Roma: lui e Gervinho, come già dimostrato, soprattutto in Europa possono essere devastanti, vista la maggiore tendenza a giocare degli avversari, prestando il fianco ai micidiali contropiedi delle due frecce giallorosse. Florenzi è una garanzia e lo sta ulteriormente dimostrando, ma ha caratteristiche completamente diverse dall’argentino ed ivoriano, è però fondamentale per gli equilibri di Garcia ed infatti sarà lui a prendersi la maglia da titolare con il City. Anche Ljajic ha ben risposto in assenza di Iturbe, ma resta la seconda scelta rispetto al centrocampista italiano, soprattutto per una partita così delicata come quella di mercoledì sera. Florenzi offre maggiori garanzie e strappare anche solo un punto coi citizens potrebbe essere determinante in chiave qualificazione.

Per domenica, soprattutto se dovesse scendere per qualche minuto in campo in Champions, Iturbe è favorito su Pirlo per partite come titolare formando il trio delle meraviglie con Totti e Gervinho: Pirlo dovrà ancora aspettare, o semplicemente accettare un ruolo non può imprescindibile come con Conte. Allegri vs. Pirlo, parte 2: ci risiamo?

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *