Marco Scipioni
No Comments

Pagelle Roma-Verona 2-0: Keita leader, Destro fenomenale

La Roma vince una partita più difficile del previsto contro un Verona molto attento sul piano difensivo

Pagelle Roma-Verona 2-0: Keita leader, Destro fenomenale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Una partita più difficile del previsto per la Roma che si è imbattuta in un Verona molto volenteroso e ordinato. Partita ferma sullo 0-0 per oltre 70 minuti, con una Roma che difficilmente riusciva a trovare gli spazi grazie ad una tattica di Mandorlini molto accurata. Partita sbloccata grazie ad una prodezza di Florenzi, rasoterra da fuori area, e ad un eurogol di Destro, tiro di controbalzo da quasi centrocampo.

TOP ROMA

DESTRO: anche soltanto il gol basterebbe per metterlo tra i migliori in campo, ma la prestazione del centravanti giallorosso non è stato solo l’eurogol, infatti, molte sono state le sponde, le palle gol e le occasioni da parte del numero 22. FENOMENALE

KEITA: sempre più leader della squadra giallorossa: anche questa sera, dopo l’uscita di Totti, indossa la fascia da capitano. Potenza, qualità e quantità, ordine e precisione. Grande affare di Sabatini, essendo stato acquistato a parametro 0. LEADER

GERVINHO: come sempre, spacca la partita. Appena ci sono gli spazi, crea il panico. Ma Gervinho non è solo questo, infatti, numerose le palle gol create anche a Verona schierato. DEVASTANTE

TOP VERONA

TACHTSIDIS: a sorpresa il più pericoloso del Verona. Assist e pericolosità offensiva. Il centrocampista greco sta definitivamente esplodendo: avesse avuto ragione Zeman? SORPRENDENTE

FLOP VERONA

NENÈ: Trascorre più tempo a lamentarsi che a giocare, incocludente e mai pericoloso se non in un’occasione su cross di Brivio. Sicuramente Toni risulta ancora il calciatore più importante per il Verona. DA RIVEDERE

La Roma festeggia il quinto successo consecutivo in Serie A

La Roma festeggia il quinto successo consecutivo in questo campionato

PAGELLE ROMA

DE SANCTIS 6,5: sembrava dovesse uscire per un problema al gluteo destro, ma pochi secondi dopo salva la Roma su un diagonale molto pericoloso in seguito al contropiede del Verona.

MAICON 7: il terzino brasiliano, dopo la polemica per la sosta delle nazionali, è tornato in una condizione fisica straordinaria. Sorprendente la facilità con cui riesca a progredire in attacco e a chiudere le azioni offensive avversarie.

MANOLAS 7: tanti anticipi, grande precisione e ottima fase di impostazione. Peccato per l’ammonizione in seguito ad un fallo su Nenè, ma oramai il difensore greco ha sostituito completamente Benatia il quale è soltanto un (agrodolce) ricordo.

YANGA MBIWA 7: nonostante qualche incertezza, il difensore ex Newcastle convince ogni partita di più. Grande anticipo, ripartenze a testa alta e ottimo anche in fase offensiva.

COLE 6,5: il terzino inglese, dopo le prime partite piuttosto opache, si sta inserendo sempre di più. Ennesima prova convincente non solo in difesa ma anche in attacco.

KEITA 8: straordinaria la calma con cui gestisca il gioco, sorprendente come sembra non faccia fatica e non perda mai un pallone. Ottimo in fase di ripiegamento e di impostazione.

PJANIC 6: la sua qualità si nota anche nei giorni non migliori. Si nota la stanchezza e la non completa brillantezza, ma ciò non gli impedisce di essere presente nel gioco.

NAINGGOLAN 6,5: qualche sbavatura di troppo per un calciatore che finora non aveva sbagliato praticamente nulla. Nonostante un’evidente stanchezza dovuta al suo minutaggio (De Rossi e Strootman infortunati), non risparmia sudore e corsa.

LJAJIC 6,5: trova difficoltà con lo schieramento difensivo del Verona, ma si nota la maggiore applicazione e centralità nel gioco. Appare sempre più sulla strada giusta dopo il gol al Tardini.

TOTTI 6,5: centrale come sempre nel gioco della Roma. Gioca più sulla trequarti che da centravanti, cerca di lanciare gli esterni bassi e Destro, ma spesso non ci sono gli spazi nemmeno per un fuoriclasse come lui.

DESTRO 7,5: meriterebbe 10 soltanto per il gol, ma la prestazione di Destro è comunque stata all’altezza. Indipendente dal gol è autore di una ottima prestazione, grande difesa del pallone e sponde per il centravanti giallorosso.

GERVINHO 7: entra e desta il panico, cambia la partita come pochi giocatori sanno fare. Fornisce due assist d’oro, uno per Florenzi e l’altro per Destro.

FLORENZI 7: entra al posto di Totti e cerca subito di cambiare il ritmo alla gara, grande corsa e applicazione, trova il gol su tiro da fuori area.

PAREDES s.v.: troppo poco il minutaggio e poche le palle giocate dal promettente argentino. Avrà tempo e spazio anche lui.

PAGELLE VERONA

GOLLINI 5,5: facile amministrazione nel primo tempo. Nel secondo tempo un grande salvataggio su Florenzi su punteggio di 1-0. Poteva fare di più sul rasoterra non irresistibile di Florenzi e mal piazzato in occasione del gol di Destro, ma chi poteva aspettarsi che il numero 22 della Roma tirasse da centrocampo?

SORENSEN 6: buona prova del difensore danese dove all’interno di una squadra compatta riesce a non sfigurare contro i grandi calciatori della Roma.

MARQUES 6,5: riesce a controllare le azioni offensive della Roma, forse causa un fallo da rigore su Destro, non giudicato punibile da Russo.

MORAS 6: bene il primo tempo, il secondo tempo il Verona si disgrega e lui trova qualche difficoltà in più.

BRIVIO 6: buon primo tempo con un ottimo cross con conseguente colpo di testa di Nenè. Nel secondo tempo, come Moras fa più fatica.

OBBADI 6,5: ottima prova per il centrocampista che riesce a dare intensità e copertura alla fase difensiva veronese. Peccato per l’infortunio capitatogli al 42° minuto.

TACHTSIDIS 7: emerge sui compagni per presenza, intensità e qualità. Nel secondo tempo cala anche il suo gioco assieme a tutto il Verona.

IONITA 5,5: cerca di dare intensità e presenza, ma spesso viene schiacciato dai centrocampisti della Roma.

GOMEZ 6: buone occasioni in qualche contropiede, ma nulla di più. Con Ashley Cole ha vita difficile.

NENÈ 5: incaricato dell’arduo compito di sostituire Toni, appare molto nervoso e inconcludente, trascorre la maggior parte del tempo lamentandosi con compagni e con l’arbitro Russo. Solo un’occasione per lui e nient’altro.

JANKOVIC 5,5: pochi palloni giocabili e fa poco movimento per ricevere palloni.

CAMPANHARO 6: entra verso la fine del primo tempo per sostituire Obbadi. Cerca di entrare subito in partita, ma, per sfortuna sua, entra quando il Verona stava calando d’intensità.

TONI 6: accolto dal tifo romanista con un grande applauso, si guadagna subito un fallo ed è autore di qualche occasione in fase offensiva. Il gol di Florenzi rovina, però, i piani di Mandorlini.

Marco Scipioni

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *