Federica Valcauda
No Comments

Iannone vola ad Aragòn nelle Fp1

Iannone segna il miglior tempo nelle Fp1 ad Aragòn con la sua Ducati 2.0. Seguono Espargaro e Marquez, Rossi sesto

Iannone vola ad Aragòn nelle Fp1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Andrea Iannone conquista il primo turno di libere del Gp di Aragona staccando di quasi tre decimi il campione del mondo Marc Marquez.
Il pilota della Honda parte subito forte facendo segnare ottimi tempi sul giro seguito da Jorge Lorenzo, tornato ad aver fame di vittorie dopo un’annata non troppo convincente.

A metà turno gli unici tre piloti a scendere sotto l’1:50 sono Marquez, Lorenzo e Iannone, quest’ultimo galvanizzato dalla “nuova” Ducati Gp2014 2.0 con modifiche alla ciclistica e al telaio che permettono una maggiore guidabilità.
A fine turno si migliorano quasi tutti, Andrea fà segnare un giro al limite della perfezione fermando il tempo in 1:48:995, abbattuto il muro dell’1:49 e dimostrando come sia lui che Ducati stiano crescendo gara dopo gara.

La classifica finale vede poi Espargaro con Yamaha NGM, Marc Marquez terzo ma martellante su ottimi tempi per tutta la sessione, Lorenzo chiude quarto a cinque decimi dal miglior tempo.
Pedrosa rimasto nelle retrovie per tutta la sessione riesce nei minuti finali a concludere un buon giro che gli permette di chiudere in quinta posizione.
Sesto Valentino Rossi, il vincitore del Gran Premio di Misano non è sembrato per niente soddisfatto di questo turno di libere,
Aragòn non è tra i suoi circuiti preferiti e certo è che la pista si adatta meglio ad Honda che a Yamaha, ma 9 decimi di ritardo sono troppi e dovranno essere limati onde evitare partenze nelle retrovie in vista della gara, sicuramente il Dottore di Tavullia darà il massimo per rimanere ancora una volta tra i migliori 3.

Andrea Iannone al termine  della gara: “Sono contento, è stato un turno positivo, abbiamo girato con gomma media come gli altri ed è un buon segnale, mi sento a mio agio e riesco a far girare meglio la moto”.

Federica Valcauda

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *