Dario Di Ponzio
No Comments

Pagelle Lazio-Udinese 0-1: Karnezis para, Thereau concretizza

Thereau spedisce le "Aquile" all'inferno portando il 3° successo stagionale a Stramaccioni

Pagelle Lazio-Udinese 0-1: Karnezis para, Thereau concretizza
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nulla da fare per la Lazio di Pioli, che in assenza di vari titolari non riesce a far fondo nemmeno al carattere e viene sconfitta dall’Udinese corsara di Stramaccioni, al terzo successo su quattro partite e che continua a impressionare positivamente per il gioco.

PAGELLE LAZIO:

Marchetti 5,5 – Sul goal vittoria di Thereau è completamente esente da colpe, però dapprima compie un avventata uscita su Muriel (sul quale, va detto a difesa del portiere, non viene visto un fallo) e successivamente mostra indecisione su diverse palle alte.

Konko 6 – Quando il fisico lo sorregge il terzino dimostra di essere una certezza. Malgrado soffra come tutta la difesa laziale è di sicuro il meno colpevole di quanto succede.

Novaretti 5,5 – Salva sulla linea un tiro di Muriel ma in compenso appare in costante difficoltà e spaesato quando viene puntato dagli avanti dell’Udinese.

Cana 5,5 – Esattamente come il compagno di reparto appare spaesato quando puntato da Muriel e partecipa insieme a Novaretti alla colossale dormita al centro che consegna a Thereau il pallone vittoria.

Braafheid 6 – Stesso discorso gia fatto per Konko, non appare esente da colpe in più di una circostanza ma quantomeno prova a sfondare sulla fascia, specialmente nel primo tempo, limitandosi a coprire le perdite nella ripresa. DAL 74° Keita 6,5 – Entra col piglio e lo spirito di chi vorrebbe spaccare il mondo e prova in ogni modo a rovinare la serata di Karnezis, per sua sfortuna il poco tempo a disposizione e la buona vena del Greco ne limitano il piano.

Parolo 5,5 – Il fantasma del Parolo che tanto i tifosi della Lazio speravano di osservare. Assolutamente nullo in fase offensiva e in fase difensiva ha sempre un passo in meno rispetto i dirimpettai friulani. Rimandato.

Ledesma 4,5 – Cosa è successo al regista tanto ammirato nelle stagioni precedenti con la Lazio? Un calo di forma ci può stare, ma in questo caso la prestazione dell’Argentino è totalmente passiva e Pioli è costretto a sostituirlo dopo 59 minuti di nulla cosmico. DAL 59° Lulic 5 – Nulla cosmico esattamente come Ledesma, a dargli quel mezzo punto in più una mera questione numerica che lo vede in campo meno tempo di Ledesma. (Vien da pensare per fortuna…)

Onazi 6 – La sua partita assume i contorni della rissa quando Guillherme e Badu girano da quelle parti, successivamente si limita a provare qualche sortita offensiva senza successo, ma almeno la voglia ce la mette e ciò, in serate come queste, diventa addirittura un pregio.

Felipe Anderson 6 – Tatticamente il ragazzo è ancora acerbo nel sistema di gioco Laziale, però è anche uno dei pochissimi nei primi 45 minuti a punzecchiare la difesa friulana. Viene sostituito per meri motivi tattici. DAL 46° Djordjevic 6,5 – Esattamente come Keita entra in campo con enorme voglia e rispetto a Klose appare molto più mobile e in forma.

Candreva 6 – Se la Lazio vorrà ambire a qualcosa molto dipenderà anche da Candreva, che gioca una partita tutta sacrificio, corsa e proteste nel tentativo di sorreggere una nave che affonda. Tutti i principali pericoli spesso e volentieri girano dalla sua parte.

Klose 5,5 – I palloni giocabili per il tedesco faticano ad arrivare e cosi il protagonista dell’ultimo mondiale tedesco in Brasile è costretto a girare al largo dall’ottima difesa friulana.

Thereau, decisivo contro la Lazio

Thereau, decisivo contro la Lazio

PAGELLE UDINESE:

Karnezis 6,5 – Bella sorpresa di questo inizio stagione dell’Udinese, il portiere della nazionale greca continua a ben impressionare. Si arrabbia con i propri difensori quando rischiano disimpegni difficili e trasmette sicurezza al reparto facendosi trovare sempre pronto.

Piris 6 – L’ex romanista sente aria di derby e sfodera una prestazione solida e attenta. Non sfonda mai ma quantomeno impedisce a due clienti scomodi come Candreva e Konko di rendersi eccessivamente pericolosi.

Danilo 6- Continua l’ottimo inizio stagione di uno dei perni sia dell’ex Udinese di Guidolin che della nuova di Stramaccioni. Sempre preciso, sbriga con eccellente intelligenza la pratica Klose.

Herteaux 6,5 – Lui e Danilo formano un duo ormai ben consolidato che spegne sul nascere ogni tentativo degli avanti laziali. Intelligente sia quando si tratta di uscire palla al piede che quando si tratta di spazzare via la palla.

Widmer 6,5 – E’ l’attuale uomo mercato dell’Udinese e i motivi si capiscono pienamente quando sfonda sulla propria fascia e crea un pallone sul quale Thereau non può non insaccare.

Badu 6,5 – La tecnica non sarà certamente il suo forte, ma il carattere non manca a uno dei giocatori con maggiore anzianità nell’Udinese di quelli schierati oggi. Rimane in campo malgrado un duro scontro e conclude i 90 minuti con impeccabile precisione.

Allan 6,5 – Moto perpetuo del centrocampo dell’Udinese si candida a essere uomo mercato da Gennaio per diverse big. In fase di interdizione è sempre presente e in fase di impostazione sbaglia pochissimi palloni.

Guillherme 6 – Di tutti i centrocampisti dell’Udinese è anche quello meno appariscente nelle varie giocate. Tanto lavoro oscuro ma Allan e Badu, suoi compagni di reparto, sono ben altra cosa stasera.

Kone 6 – Il greco tradisce le attese con una prestazione sottotono e “spenta” dai giocatori della Lazio. Mezzo punto in più per la strepitosa azione nella ripresa che gli fa sfiorare il goal.

Thereau 7 – Vista nel complesso la sua è una prestazione discreta, pagando anche un baricentro dell’Udinese molto basso.
Però quando gli arriva una palla giocabile compare tra i centrali della Lazio e insacca alle spalle di Marchetti.
Un suo goal a tempo quasi scaduto col Chievo condannò la Roma di Andreazzoli appena 2 anni fa, il francese si conferma. DAL 65° Di Natale 5,5 – Chi si aspetta qualche lampo da Totò rimarrà deluso. Non lo si vede praticamente mai.

Muriel 6,5 – Gioca pochissimo, ma in quel pochissimo c’è la giocata strepitosa che costruisce il goal vittoria. DAL 29° Fernandes 5 – Stramaccioni lo inserisce spostando Thereau più avanti e sperando in qualche invenzione, invece il talento friulano lo tradisce con una prestazione scialba e che obbliga Stramaccioni a sostituirlo nel finale. DAL 81° Belmonte S.V. – Firma la presenza e rimane in aula nel momento in cui la Lazio dovrebbe assaltare il fortino friulano.

Dario Di Ponzio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *