Vincenzo Galdieri
No Comments

Pagelle Juventus-Cesena 3-0: Vidal es ilegal, Lichtrain e Giovincao

Il cileno è stratosferico e si riprende la Juve di prepotenza. Licht in cerca di un contratto fa faville, ma la nota più sorprendente è Giovinco: con Allegri sembra un altro

Pagelle Juventus-Cesena 3-0: Vidal es ilegal, Lichtrain e Giovincao
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Giovinco Juventuspronto a rinnovare fino al 2017

Giovinco, ieri grande protagonista: tra i migliori della Juventus

La Juventus non si ferma più e vince ancora senza subire gol: 3-0 al Cesena, quarta vittoria iniziale consecutiva con la porta inviolata, già record in Serie A. Grazie ad un Vidal mostruoso – sorretto dalle prestazioni top di Lichsteiner e Giovinco – i bianconeri, pur in formazione rimaneggiatissima, vincono e straconvincono contro i romagnoli. Allegri gode ed è sempre più padrone della Juve. Le pagelle del match:

JUVENTUS

BUFFON 6 – Un bel mercoledi di ferie pagate e non richieste.

CHIELLINI 6 – Contiene le rare offensive avversarie con grande tranquillità.

OGBONNA 6 – Nessuna sbavatura, mai. Con Allegri sembra un altro giocatore.

BONUCCI 6 – E’ abituato a ben altri calibri, respinge gli attaccanti cesenati senza sporcarsi le mani più di tanto.

LICHTSTEINER 7 – E’ un moto perpetuo. Corre su e giù per tutta la gara, che suggella con un gol da grande esterno quale è. Si merita il rinnovo del contratto. Lichtrain. Dall’87’ PEPE sv

VIDAL 7,5 (IL MIGLIORE) – Boom boom. Bailando. Arturo Vidal è tornato. Il mostro segna prima su rigore, poi con un piazzato in movimento, da fuori area, che non lascia scampo a Leali. In mezzo la solita partita fatta di contrasti, ricami, passaggi precisi e foga agonistica massima. Non è ancora al 100%, figuriamoci cosa sarà fra una manciata di settimane. Vidal fa la differenza. Vidal es ilegal. Dal 79′ PADOIN sv

MARCHISIO 6 – Dirige le operazioni limitandosi a distribuire palla qua e là. Prova sufficiente, ma leggermente al di sotto delle precedenti.

PEREYRA 6,5 – Non si vuole esagerare coi paragoni, ma in prospettiva sembra il gemello di Vidal. Stesso modo di intendere il calcio, stesso modo di essere poliedrici. Ottima tecnica, poi. Gli manca soltanto una cosa per avvicinarsi al ‘Maestro’: essere risolutivo in zona gol come il fenomeno cileno. C’è tempo per migliorare. E per imparare. Acquistone, comunque.

EVRA 6 – La buona notizia è che nonostante le 34 primavere corre come un ragazzino. Quella ‘cattiva’ è che ancora non è entrato bene nei meccanismi Juve. Ma è appena arrivato.

LLORENTE 5,5 – Cosi cosi, non riesce ancora a trovare la via del gol. Ma è uno che carbura pian piano. Dal 72′ MORATA sv

GIOVINCO 7 – Wow. Partita da top player. Allegri lo lascia più libero di svariare e lui ringrazia. Ci mette personalità e tecnica. Prende un palo ed impegna Leali ad una paratissima. Fa da raccordo tra centrocampo ed attacco con una personalità che non avevamo ancora visto. L’impressione, forse affrettata, è una: senza le pressioni immense date dall’avere un allenatore iper esigente come Conte, potrà fare il salto di qualità. Vedremo.

All. ALLEGRI 7 – Due indizi non fanno una prova, cinque si. Cinque vittorie in cinque partite tra campionato e Champions League. Splendido, splendido inizio. Mai lui aveva cominciato cosi e mai Conte aveva cominciato cosi. Comincia a scrivere il suo nome nel libro dei record: mai una squadra in Serie A era riuscita a vincere le prime 4 mantenendo la porta inviolata. In generale la squadra sembra giocare più tranquilla e rilassata. Fa ampio uso del turnover e fa benissimo: con una simile rosa a disposizione, era il minimo. Pirlo, Barzagli, Pogba, Tevez ed Asamoah erano fuori. Qualcuno se n’è accorto?

CESENA 

LEALI 6,5 (IL MIGLIORE) – Para il parabile, quasi prende pure il rigore di Vidal. Poi è splendido su Giovinco. La seconda rete del campione cileno invece è un tiro imprendibile.

KRANJIC-LUCCHINI-PERICO-CAPELLI 6 – Nel complesso, non se la cavano malaccio. E’ vero che la Juventus vince 3-0, ma la prestazione complessiva della difesa evita un passivo imbarazzante. E’ il resto che non funziona.

CARBONERO 5 – Fuori fase.

GIORGI 5,5 – Fatica parecchio. NICA sv

CASCIONE 5 – Causa il rigore, poi una gara confusa, dove viene travolto dallo strapotere di Vidal e soci. E dire che segnare alla Juve gli è sempre piaciuto.

MAZZOTTA 5 – Stantuffo da svezzare ad alti livelli, mostra buona corsa ma ancora poca padronanza dei suoi – buonissimi – mezzi. COPPOLA 5 – Non pervenuto.

RENZETTI 5 – Dilaniato da Lichsteiner.

DEFREL 4,5 – Abulico, non la vede praticamente mai.

MARILUNGO 4,5 – Idem come sopra.

All. BISOLI 5,5 – Poteva far qualcosa in più? Forse. Ma mica tanto.

Vincenzo Galdieri (Twitter: @Vince_Galdieri)

 

 

 

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *