Jacopo Bertone
No Comments

Nando o Fernando? Ecco perchè Llorente è più forte di Torres

In Spagna quanto in Italia ci si interroga su chi sia il più forte tra le due stelle iberiche del campionato italiano: io sto con Llorente

Nando o Fernando? Ecco perchè Llorente è più forte di Torres
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Belli son belli, forti son forti, ma se da una parte le disquisizioni estetiche non sono adatte a questa sede, dall’altra è più interessante interrogarsi su quale di questi due clamorosi centravanti sia il più forte; chi vi scrive è convinto che l’ex Bilbao abbia qualcosa in più del bomber rossonero, ecco perché:

Llorente raddoppia, Pagelle Juventus

Fernando Llorente, attaccante della Juventus

IL CAMPO – Dopo un inizio un po’ singhiozzante nella nostra Serie A, il numero 14 bianconero si è imposto per quello che è: un attaccante dalla grandissima efficienza, tanto in fase di conclusione dell’azione tanto in quella di costruzione della stessa. Infatti è in grado di controllare un grande numero di palloni, anche quelli più alti e sporchi, a causa del suo fisico da corazziere ma anche di una tecnica individuale più che rimarchevole e avere un attaccante che tiene la palla su immediatamente dopo la fase di recupero è fondamentale nel calcio moderno. Llorente però non è soltanto capace di guadagnare falli per far riorganizzare la squadra, è un eccellente “smistatore” di palloni: sono innumerevoli le occasioni in cui viene incontro ai centrocampisti in posizione centrale, riceve palla e la indirizza sulle fasce o a quel fenomeno di Tevez per poi fiondarsi in area in attesa dell’assist vincente. Una volta raggiunta la sua posizione, è in grado di far male agli avversari in ogni modo: con un poderoso stacco di testa (Verona, Cagliari, Lazio), con qualche trucchetto per smarcarsi e poi concludere con un poderoso tiro in porta (Atalanta, Livorno) oppure semplicemente riuscendo a trovare il punto cieco della difesa e posizionarcisi per fungere da micidiale bersaglio per i cross di Lichtsteiner o Asamoah (Milan, Udinese, Real Madrid).

I NUMERI – Dal 2008, esclusa quella maledetta stagione da emarginato agli ordini di Bielsa, Llorente tiene numeri di tutto rispetto: un minimo di 18 goal all’anno, con un massimo di 29 nella stagione 2011-2012, per un totale di 107 reti in 233 partite, sostanzialmente uno ogni 2 match disputati. Ogniqualvolta l’iberico è andato in goal in campionato la Juventus ha sempre vinto, eccezion fatta per il pareggio un po’ “particolare” a Roma contro la Lazio. Non solo i goal però: nella prima stagione bianconera di Llorente spiccano ben 5 assist, con più del 72% di passaggi realizzati con successi, quasi 3 duelli aerei vinti a partita e una valutazione media di 7,21.

Tuttavia non sarà certo un pallottoliere a darmi la sicurezza che il classe ’85 è più forte dell’ex Liverpool, il motivo della mia preferenza è meno banale : quando in campo c’è Llorente hai la sicurezza di avere un uomo che farà qualcosa di utile per la squadra e non ti darà mai la sensazione di giocare con un uomo in meno, si trattasse solamente di un colpo di testa o di uno stop di petto tu sai che lui lo farà bene perché ha dalla sua quell’indefinibile e infallibile leggerezza tipica di chi fa le cose per bene, ottenendo con il duro lavoro e l’abnegazione risultati inaccessibili per chi si affida al solo talento. Non me ne voglia Torres, fantastico professionista e bomber di livello internazionale, ma io scelgo Llorente, 7 giorni su 7, perché è un calciatore migliore e perchè in campo i suoi compagni possono sempre contare su El Rey Leon.

Nando o Fernando? Ecco perché Torres è più forte di Llorente

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *