Filippo Di Cristina
No Comments

Il calcio è malato, colpa del tifoso bue

Limitiamo l'espansione di questo esemplare da social e restituiamo al calcio la sua naturale bellezza

Il calcio è malato, colpa del tifoso bue
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Alessandro Florenzi abbraccia la nonna dopo il goal

Alessandro Florenzi abbraccia la nonna dopo il goal

Il calcio è malato, è uno schifo, solo un business dove vanno avanti i ricconi; è tutto pessimo. E sapete chi ha la colpa di tutto ciò? Lo sceicco che compra la squadra? No, la colpa è di tutti i tifosi, nessuno escluso, che si divertono a cimentarsi in analisi tecniche o in interpretazioni del regolamento manco fossero Adriano Bacconi

BUE E TESTA DURA – Il tifoso medio, si aggira nel weekend tra il divano e la cucina passando per qualche sporadico intervento sui social network, pronto a commentare, dire la sua e aizzare rivalità tra tifosi che già tra di loro non è che vadano d’accordo. Non bastano esperti, tecnici o addirittura giocatori a spiegare quello che loro stessi hanno vissuto, il tifoso medio e bue ne sa e ne vuole sapere di più. Il goal di Icardi con tutta probabilità ieri sera era regolare, analizzato da prove tv e mille replay, ma il tifoso bue non è d’accordo e da novello Genny a Carogna (che per la cronaca è arrestato oggi) esordisce con il solito Inter merda, ridicoli pagliacci e buffoni. Non viene dato un rigore alla Juventus e ancora lui, il tifoso bue, noncurante del sacrosanto rigore negato ai bianconeri parte all’attacco con:“La juventus è ladra, perché vi lamentate?!”

LAMENTELA SOCIAL – Ma è questo il bello del calcio, per cosa delira questo articolo? No signori, non è questo il bello del calcio, non sono le lamentele e le rivalità impure tra squadre e tifosi. Il bello del calcio è (usiamo “sarebbe”) vedere le famiglie che riempiono gli stadi, bambini con la maglia dei vari Tevez, Montolivo, Icardi, Totti e altri esultare al goal e non rischiare nulla uscendo dallo stadio; il bello del calcio è Alessandro Florenzi che abbraccia la nonna. Purtroppo l’esempio dei calciatori, vedi l’ultimo tweet di Balotelli (si, sempre lui, anche se non vorremmo più parlarne), non è dei migliori; anche i giornalisti sbagliano a volte e sono i primi ad essere soggetti a critiche. La ricetta per un calcio più sano è l’estinzione di questa bestiola, il tifoso bue. Ognuno di noi, chi per poco, chi in passato e chi altri in buonafede è stato a suo modo un tifoso bue. Cambiamo questo trend, rendiamo il calcio migliore evitando di intasare i social magari analizzando meglio le situazioni e non sparando a zero critiche senza senso. Il calcio può e deve cambiare, il calcio puoi e devi cambiarlo..

Filippo Di Cristina (@Fil_dicri)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *