Dario Di Ponzio
No Comments

Ligue 1: Brandao tra squalifica e galera

Brandao viene squalificato per 6 mesi dalla disciplinare, ma il 3 Novembre rischia la prigione

Ligue 1: Brandao tra squalifica e galera
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Era il 2002 quando lo Shakhtar si presentava dal Sao Caetano per ingaggiare un attaccante brasiliano di buone prospettive, tale Evaeverson Lemos Da Silva, ribattezzato Brandao.
7 anni nel campionato Ucraino e infine il trasferimento che potrebbe rappresentare la svolta della sua carriera, l’Olympique Marsiglia.
Una buona annata che si conclude con la vittoria dello scudetto ma, il trasferimento in Ligue 1 afferma anche Brandao come uno dei personaggi più discussi del calcio francese. (Si segnalano accuse di stupro e un intervento killer ai danni di Thiago Silva)

Brandao

Brandao dopo la propria testimonianza con l’avvocato

SEI MESI E RISCHIO PRIGIONE – I controsensi del calcio sono tutti riuniti proprio nell’ultimo caso che ha riguardato il discusso attaccante Brasiliano.
La partita in questione è Paris Saint Germain – Bastia, nel quale i parigini si “sbarazzano” agilmente dei propri dirimpettai.
Ma non sono le questioni di campo quelle a far notizie, ma quelle extracampo.
Brandao infatti, come dimostrato dalle telecamere di sorveglianza, si posiziona nel tunnel che conduce agli spogliatoi a fine partita e attende Thiago Motta per sferrargli una testata.
Il presidente del PSG su tutte le furie pretende una squalifica a vita, Motta reagisce cercando lo scontro fisico venendo fermato a fatica e comincia l’indagine della commissione disciplinare della Ligue 1.
La ricostruzione in fase di sentenza dell’avvocato del Brasiliano si è soffermata su presunti insulti razzisti di Motta ai danni di Brandao, ovviamente, seccamente smentiti dal nazionale italiano.

REAZIONI – Le polemiche ovviamente non sono mancate.
Dario Canovi, agente di Motta, si è subito soffermato sul precedente Leonardo, quando con una spallata molto meno appariscente ai danni di un arbitro fu squalificato per 1 anno.
In fase di ricorso Leonardo riuscì a vincere la propria “guerra” ma le “cicatrici” di quanto successo lo portarono alle dimissioni.
La mancanza di scuse di Brandao e la rabbia scaturita in Motta porteranno cosi i due a ri-affrontarsi in un processo ben più “pericoloso” per l’ex Shaktar.
Il 3 Novembre infatti i due saranno convocati in un tribunale penale che dovrà decidere, con possibili decisioni che vanno dalla semplice ammenda fino a tre anni di prigione.

Dario Di Ponzio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *