Giuseppe Landi
No Comments

Bologna, Kobe Bryant uno dei soci di Tacopina

Anche Joey Saputo, proprietario del Montreal Impact, possibile socio dell'avvocato newyorkese

Bologna, Kobe Bryant uno dei soci di Tacopina
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Joe Tacopina è pronto ad insediarsi nel Bologna. L’avvocato newyorkese nella giornata di martedì ha raggiunto l’accordo con Guaraldi per la compravendita del club rossoblu, ed entro il 24 settembre prossimo verserà un milione di euro per l’aumento di capitale d’inizio ottobre. A fare notizia in queste ultime ore sono però i due soci al fianco di Tacopina: si tratta di Joey Saputo, presidente del Montreal Impact, e Kobe Bryant, stella Nba.

Joey Saputo, socio di Tacopina

Joey Saputo, presidente del Montreal Impact

JOEY SAPUTO E LA SUA PASSIONE PER IL CALCIO  – Joey Saputo è un cinquantenne canadese, figlio di Lino, fondatore della Saputo Incorporated, una delle maggiori industrie del Nord America nel campo dei latticini. Di origini palermitane, Joey Saputo ha un patrimonio di 3,5 miliardi, ed è un appassionato di calcio; nel 1993 fondò a Montreal un nuovo club, l’Impact. Da allora ricopre tale carica, ad eccezione degli anni dal ’98 al 2001, quando il club venne controllato da un altro gruppo azionario. La società è passata in poco tempo nella MLS, massima lega calcistica di USA e Canada. Joey ha fatto costruire anche uno stadio da 20.000 posti a suo nome. E’ conosciuto soprattutto per aver portato all’Impact giocatori italiani come Nesta, Ferrari, Di Vaio, Paponi e Pisanu.

KOBE BRYANT, DALL’NBA ALLA SERIE A – Come detto, un altro candidato ad affiancare Tacopina al timone del nuovo Bologna è Kobe Bryant. Il fenomeno dei Los Angeles Lakers è anch’esso di origini italiane (cresciuto a Reggio dove giocava il padre Joe), e appassionato di calcio. Bryant è tifoso del Milan, ed ha seguito da vicino i Mondiali in Brasile, soltanto lo scorso anno ha fatturato 75 milioni di dollari. Potremmo quindi vedere presto Bryant in Italia, dopo che qualche anno fa si insediò nell’azionariato dell’Olimpia Milano assieme al padre.

Tacopina, Saputo e Bryant, un trio pronto a rifare grande il Bologna. I tifosi sperano di dimenticare subito le ultime stagioni non all’altezza della storia del club emiliano.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *