Redazione
No Comments

Gioco Responsabile: il disgelo tra istituzioni e industria del gambling

Gioco Responsabile: il disgelo tra istituzioni e industria del gambling
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Se il gioco ti ha portato fuori strada ti aiutiamo a ritrovarla”. “Se il gioco non è più un gioco c’è qualcuno che può darti una mano”. Questi alcuni dei messaggi che riassumono la mission del gioco responsabile, un tema salito agli onori della cronaca negli ultimi anni per combattere e sconfiggere la ludapatia. Report, inchieste e speciali in prime time sui media italiani e internazionali, hanno fatto conoscere ad un vasto target uno degli aspetti negativi del gioco che, come spiega una intervista riportata dal blog Casino Heroes , sono quasi totalmente estranei al ludo in senso stretto in quanto legati a problemi psicologici che insorgono tra le mura domestiche o sul posto di lavoro

Negli ultimi anni sono stati effettuati passi da gigante in materia di gioco responsabile, sia da parte delle istituzioni che del settore legato al gambling.

Operatori nazionali e internazionali, siti e blog interamente dedicati al gioco d’azzardo, oltre ai cda dei casinò dal vivo presenti nel nostro Paese, stanno attuando delle azioni efficaci per sdognare pregiudizi e luoghi comuni, affrontando un tema delicatissimo con la professionalità e l’attenzione che merita.  Dall’altra sponda del fiume si stanno mobilitando anche i piani alti della nostra società, sia una buona parte della casta esperta in economia politica che l’esercito di dipendenti del settore sociale e sanitario. Da un lato le istituzioni stanno compiendo uno sforzo immane ad abbandonare l’antica scuola del proibizionsimo, ormai vetusta e priva di efficacia, dall’altro l’industria del gambilng ha abbandonato l’approccio protezionistico, decsiamante sbilanciato verso il profitto rispetto alla responsabilità sociale.

L’ERA DEL DISGELO – Nell’ultimo biennio abbiamo assistito ad un progressivo disgelo dagli arroccamenti nelle rispettive posizioni delle varie parti sociali e dei dirigenti del mercato che ruota attorno al gambing. Lentamente si sta passando ad una nuova fase di dialogo e di confronto all’insegna della sostenibilità.

L’accesso dibattito sulla Legge Delega Governo Renzi ha messo nero su bianco la necessità di trovare nei prossimi mesi una quadratura del cerchio rispetto al gioco pubblico, poiché è l’unica cosa in grado di dare certezze ai cittadini, ma anche agli imprenditori e alle società che in questo settore operano da diversi anni con fatturati corposi e indotti importanti. L’obiettivo a breve termine è quello di orientarsi all’individuazione di un futuro stabile per entrammbi.

Il mese di Settembre potrebbe rappresentare quello della svolta storica, con l’approvazione dei primi decreti di attuazione della delega che dovrebbero concretizzarsi entro la fine dell’anno. Le prossime settimane rivestiranno un’importanza basilari in termini di dialogo e confronto tra le parti, ma anche di proposte concrete. Poi le luci della ribalta sposteranno dapprima in Finlandia – la nazione (a furor di popolo) più votata allo sviluppo di un modello di gioco pubblico sostenibile), a Helsinki, dove la conferenza sul gioco responsabile promossa dall’Easg offrirà una stimolante occasione di dibattito per mettere a confronto le diverse realtà nazionali in un brainstorming tra politica, industria, regolatori e terzo settore, proprio sul tema del gioco d’azzardo patologico e sui rispettivi ruoli in chiave di protezione e cura dei soggetti a rischio.

I sette comandamenti del gioco responsabile, come la nostra redazione ha dedotto analizzando un campione di dieci piattaforme, possono riassumersi nei seguenti punti:

Il gioco deve essere solo un divertimento e non va inteso come un modo per guadagnare.

Evita di rincorrere le perdite.

Gioca solo somme che puoi permetterti di perdere senza intaccare il tuo budget per le spese primarie.

Controllare il tempo impiegato giocando.

Controllare le quantità di denaro spese giocando.

Fissare un limite di deposito per controllare l’importo che puoi ricaricare.

Prendere, se necessario, una pausa dal gioco.

Per rendere il gioco responsabile sono necessarie misure di comunicazione e diffusione sui principali media e, in tal senso, si sono compiuti passi da giganti con intere sezioni dei siti online e campagne pubblicitarie mirate a sensibilizzare il pubblico.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *