Enrico Cunego
No Comments

Premier League: Newcastle, inizio da incubo

La squadra del contestatissimo Alan Pardew ha racimolato solo due punti dopo 4 giornate ed è reduce dal 4-0 subito a Southampton. Analizziamo la situazione

Premier League: Newcastle, inizio da incubo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Una situazione estremamente bollente. E’ quella che sta vivendo il Newcastle United in questi giorni, dopo che il pessimo avvio di campionato dei bianconeri ha fatto registrare la miseria di 2 punti, con l’aggravante di aver subito 9 gol (peggior difesa dopo quella dell’Everton) e di averne realizzati solo 3 e tutti in un’unica partita col Crystal Palace. Numeri da incubo che hanno fatto precipitare i “Magpies” in fondo alla graduatoria in compagnia del Burnley e del West Bromwich Albion. Ma mentre le altre tre squadre hanno come obbiettivo primario quello della salvezza, la truppa di Alan Pardew deve ambire a traguardi europei. Finora le cessioni dei vari Debuchy, Remy e Cabaye non sono state assolutamente ripagate dagli arrivi di Riviere, Cabella e Janmaat: troppo superiori per la lotta alla salvezza ma troppo inferiori rispetto ai top team di Manchester, Liverpool e Londra. Tutto ciò può rivelarsi devastante per l’ambiente. Ma andiamo con ordine.

UN TECNICO ODIATO – Alan Pardew è l’uomo al centro delle più feroci critiche da parte degli appassionatissimi supporter bianco-neri dello splendido St James Park. Il tecnico londinese è attualmente il tecnico più “longevo” della Premier League, essendo sulla panchina dello United dal dicembre 2010, quando subentrò all’esonerato Chris Hughton. Fin dall’inizio dell’avventura nel nord-est dell’Inghilterra, il feeling tra manager e tifosi è stato molto scarso, figlio probabilmente del carattere scontroso e poco aperto al dialogo dell’ex tecnico del West Ham. Dopo aver portato alla salvezza i suoi al termine della prima stagione, nella Premier League 2011/2012 Pardew guida i suoi ad un campionato strabiliante: quinto posto, esplosione totale di giocatori come Demba Ba e Papiss Cissè e gioco spettacolare che permettono a Pardew di aggiudicarsi il premio come miglior allenatore dell’anno in Premier League. Nell’euforia generale, il pittoresco proprietario Mike Ashley non ci pensa due volte e compie probabilmente un errore madornale: fa firmare al tecnico un estensione di contratto fino al 2019! Un tempo interminabile in cui la dirigenza ha creduto di poter vedere la nascita di un nuovo Ferguson o Wenger, in grado di migliorare i fasti dell’epoca di Alan Shearer. Niente di tutto ciò è avvenuto. La stagione 2012/2013 ha riportato tutti con i piedi per terra e nonostante il quarto di finale raggiunto in Europa League la squadra ha rischiato la retrocessione, classificandosi addirittura al sedicesimo posto. Questa annata segna il definitivo distacco tra tifosi e Pardew, distacco acuito gravemente dalla scorsa stagione, iniziata in zona europea ma finita al decimo posto, con la squadra che perde ben 19 incontri, di cui 7 negli ultimi 8 incontri. Ormai ad ogni gara interna ed esterna i tifosi esibiscono striscioni contro l’allenatore e la proprietà, è stato addirittura creato un sito contro il tecnico, sackpardew.com (licenziate Pardew) ed i fischi al St James Park si fanno sempre più assordanti. La dirigenza, consapevole dell’impossibilità di esonerare Pardew, il quale sarebbe a libro paga fino al 2019, è costretta ad assecondarlo. La situazione è incandescente, quanto potrà continuare l’avventura di Pardew a Newcastle?

Newcastle: finora da dimenticare l'impatto di Emmanuel Riviere con la nuova casacca

Newcastle: finora da dimenticare l’impatto di Emmanuel Riviere con la nuova casacca

PARTENZE ECCELLENTI, RIMPIAZZI INADEGUATI – In estate la dirigenza ha dovuto fare i conti con partenze eccellenti: da Loic Remy approdato al Chelsea, a Mathieu Debuchy passato all’Arsenal, passando per il prestito dell’idolo dei tifosi Hatem Ben Arfa, che per volere proprio di Pardew è volato ad Hull. I nuovi volti, però, promettevano alta qualità. Daryl Janmaat era reduce da un grande mondiale con l’Olanda, Remy Cabella era l’autentico trascinatore del Montpellier, mentre Emmanuel Riviere con i suoi gol era arrivato a rubare la scena a Radamel Falcao col Monaco. Gli splendenti bagliori della scorsa stagione sembrano però un lontano ricordo: Riviere è ancora a secco di gol e li davanti pare perennemente isolato, la classe di Cabella è assolutamente inesistente a centrocampo e la retroguardia fa acqua da tutte le parti con Janmaat in balia dei difensori avversari insieme a Williamson, Coloccini ed Haidara. La partita di domenica scorsa contro il Southampton fotografa il momento: strapotere fisico di Pellè nell’area avversaria, con i “Saints” che hanno letteralmente divorato l’avversario. Ma anche l’attacco è sotto accusa, tra la delusione generale di un pubblico che vede in grossa difficoltà anche pilastri come Moussa Sissoko. A parte lo 0-0 di Birmingham contro l’ottimo Aston Villa, la stagione è un totale disastro a cui si aggiunge lo scontato 0-2 subito dal Manchester City all’esordio. In tutto questa confusione un motivo per sperare c’è: si chiama Rolando Aarons: talento anglo-giamaicano 18enne in rete contro il Palace, ala sinistra di grandi speranze e prodotto del vivaio. Che siano proprio i giovani il punto di ripartenza dopo anni di esagerata esterofilia?

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *