Davide Luciani
No Comments

Fiorentina anoressica: Montella a caccia di soluzioni

Ancora nessun gol segnato in campionato per la Fiorentina. Con Rossi out, e con Mario Gomez non al top, Montella potrebbe decidere di cambiare qualcosa

Fiorentina anoressica: Montella a caccia di soluzioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Khouma Babacar, una delle alternative offensive della Fiorentina

Khouma Babacar, una delle alternative offensive della Fiorentina

La Fiorentina in due gare di campionato ha segnato zero reti, come Empoli e Torino. Un dato preoccupante per chi vanta in rosa gente del calibro di Gomez, Cuadrado e Ilicic. L’assenza di Rossi, da sola, non basta a spiegare  la crisi dei viola. E’ evidente che Montella qualcosa ha sbagliato nelle due gare contro Roma e Genoa. Se è vero che, contro  i rossoblù Perin è stato il migliore in campo, è anche vero che la produzione di gioco della squadra di Montella non è stata a livello di quella che siamo da sempre abituarti a vedere.

GOMEZ SPUNTATO – Il problema maggiore che ha Montella in questo momento è la crisi di Gomez. Il tedesco, nelle due gare disputate fin qui, è apparso fuori forma e avulso dalla manovra. Neanche il ritorno di Cuadrado al suo fianco, lo ha rivitalizzato. L’ex Bayern Monaco, a causa del suo fisico massiccio, fatica a entrare in forma, ma, l’impressione, è che vi sia anche un problema tattico. Abituata a giocare palla a terra, la Fiorentina fatica a concepire un calcio che preveda cross e lanci per la testa del tedesco, finendo per fare di Gomez un corpo  estraneo alla squadra. Montella non è riuscito ancora a trovare un assetto stabile di squadra e, il fatto che cambi spesso uomini e modulo, non aiuta a trovare la sintonia tra il tedesco e i compagni.

ABBONDANZA D’ALI, MA SCARSO UTILIZZO – Uno dei paradossi della Fiorentina è che, pur avendo, oltre a Cuadrado, dei propulsori come Pasqual, Joaquìn e Marìn, finora, per motivi diversi, sono stati tutti poco sfruttati. Pasqual, paga il fatto di essere in scadenza di contratto, ma, oggettivamente, questa squadra non può fare a meno dei suoi cross, tanto più, che Alonso, suo sostituto, appare timido e poco propositivo. Marìn non è ancora al massimo della forma, mentre Joaquìn, sembra ormai ai margini del progetto. In queste condizioni ci sui chiede perchè Montella non dia una chanche da titolare a Bernardeschi, capace di ricoprire sia il ruolo di seconda punta che di ala, ma, soprattutto, giocatore che ha già mostrato una buona intesa con Gomez. Finora gli è stato preferito Babacar, altro giocatore di talento, ma. che, per poter rendere al fianco di una punta come Gomez, ha bisogno anch’egli di cross. Del resto, lo scorso anno a Modena, l’intesa con Granoche (giocatore simile per struttura al tedesco), decollò quando Novellino passò al 4-4-2, rifornendo le punte dalle fasce.

GIOCO DA CAMBIARE – Montella, quindi, deve cambiare gioco. Non bastano le accelerazioni di Cuadrado e le imbucate di Borja Valero, Aquilani e Pizarro. Occorre che, la Fiorentina utilizzi maggiormente la corsia mancina (dato che il gioco viola pende inevitabilmente a destra) e che i giocatori, azzardino maggiormente il lancio lungo verso Gomez, saltando, se necessario, anche il centrocampo di piedi buoni a disposizone. Anche senza Rossi Montella ha a disposizione un arsenale importante. Sta a lui riuscire ad armarlo nella maniera corretta.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *