Matteo Masum
No Comments

Pagelle Empoli-Roma 0-1: Nainggolan top player, Sepe sfortunato

Manolas e Castan invalicabili, molto bene anche Rugani e Tonelli

Pagelle Empoli-Roma 0-1: Nainggolan top player, Sepe sfortunato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Tavano in ombra nel match contro la Roma

Tavano in ombra nel match contro la Roma

La Roma sbanca Empoli di misura, grazie ad una sfortunata autorete da parte di Sepe, che di schiena ha corretto in porta una conclusione di Nainggolan stampatasi inizialmente sul palo. Diamo i voti ai protagonisti del match.

PAGELLE EMPOLI

Sepe 6- Protagonista in negativo della sconfitta dell’Empoli, ma non a causa sua. La sfortuna si prende gioco di lui, ma la sua prestazione è assolutamente sufficiente. Bravo a murare una conclusione di Maicon da pochi passi.

Laurini 6,5- Benone in fase offensiva, spesso riesce a mettere in difficoltà Cole. Dietro, senza alcun problema, contiene le pochissime sortite da parte di Ljajic e dell’ex Chelsea.

Tonelli 6,5- Bravissimo, in coppia con Rugani, a tenere sotto controllo Destro, che infatti non vede mezzo pallone. La Roma calcia in porta con il contagocce, ed il merito va alla difesa di Sarri.

Rugani 6,5- Stesso discorso di Tonelli. Di testa è insuperabile, e tiene alta la concentrazione per tutto il match.

Hysaj 5- Anello debole della retroguardia toscana. Florenzi, Maicon, Pjanic, chiunque vada dalle sue parti lo mette in difficoltà.

Vecino 6- Primo tempo discreto, quando con il suo pressing non consente ai palleggiatori giallorossi di far valere il loro tasso tecnico. Si spegne nella ripresa. Dal 62′ Moro 6- Mezz’ora disputata con buona intensità.

Valdifiori 6,5- Il cervello della mediana dell’Empoli, bravo a dare respiro alla manovra ed attento anche in fase di copertura. Peccato che sui calci da fermo sia un po’ impreciso.

Croce 6- Tanta corsa, un pressing feroce fin dai primi minuti, la voglia di non far mai ripartire l’azione della Roma. Pecca quando ha la palla tra i piedi, ma merita la sufficienza. Dall’81’ Zielinski s.v.

Verdi 6- Molto rapido e tecnico, salta l’uomo con facilità, ma sbaglia tutto nei momenti importanti, quando deve calciare a rete o servire l’assist per il compagno. Dal 62′ Pucciarelli 5- Alter ego di Verdi, non combina nulla.

Mchedlidze 6- Prova a mettere in difficoltà Castan con la velocità negli spazi, ma il brasiliano non si scompone minimamente. Nella ripresa mette i brividi a De Sanctis.

Tavano 5- Non manca l’impegno, ma la difesa giallorossa è impenetrabile.

PAGELLE ROMA

De Sanctis 6,5- Deve compiere un solo vero intervento, e lo fa alla grande. Per il resto, ordinaria amministrazione.

Maicon 7- All’inizio sembra un po’ confuso, quasi svogliato. Quando tutti cominciano a temere i postumi delle vicende in nazionale, ecco che torna il solito Maicon, devastante nelle accelerazioni e muro insuperabile in difesa. Si divora due clamorose palle gol, altrimenti il suo voto sarebbe stato più alto.

Manolas 7- Benatia chi? Il greco che non ride mai concede il bis dopo la grande prova all’esordio. Con lui non si passa.

Castan 7- Come lo scorso anno al fianco del marocchino, il brasiliano sembra quello meno forte, meno determinante. In realtà è un leader assoluto, pilastro di una difesa fortissima. Esce per un infortunio da valutare. Dal 46′ Astori 6,5- Un po’ falloso, ma impeccabile nelle coperture.

Cole 4,5- Il peggiore insieme a Ljajic. Spinge pochissimo e sbaglia anche le cose più elementari. Se continua così, Holebas non avrà problemi a togliergli il posto.

De Rossi 5,5- In difficoltà nel primo tempo, in cui fatica ad arginare le avanzate dell’Empoli. Meglio nella ripresa, specie dopo l’ingresso di Keita.

Pjanic 5- Prestazione negativa. Lento, impreciso, svogliato. Ci può stare, ma questa discontinuità rischia di bloccarne la definitiva esplosione. Dal 68′ Keita 6- Come contro la Fiorentina, ci mette la personalità, l’esperienza, la grinta e buone geometrie. Rincalzo di assoluto valore.

Nainggolan 7,5- E’ veramente forte. Per il belga gli aggettivi sono terminati. Corre per 90 minuti, recupera palloni in quantità industriale, offre soluzioni ai compagni e con la sfera tra i piedi regala sempre qualche giocata di alta scuola. In più, la bordata dalla distanza che propizia la rete del match. E’ il top del centrocampo giallorosso in questo momento.

Florenzi 5,5- Il migliore dell’attacco della Roma, ma non sufficiente. Appare a tratti, si muove molto, qualche volta crea delle situazioni interessanti. Poteva fare di più.

Ljajic 4- Bocciato in pieno. Sbaglia tutto quanto potesse sbagliare, anche di più. Lento, macchinoso, sconcertante quando ha l’occasione di mettersi in mostra. Dall’81’ Gervinho s.v.

Destro 5- Tocca pochi palloni, in area non ne vede uno. Cerca di sopperire a questa mancanza con la lotta, ma il risultato è deprimente.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *