Luca Porfido
No Comments

Milan, a Parma per i 3 punti e per sfatare un tabù

Inzaghi chiamato a trascinare il suo Milan verso i 6 punti in campionato e a far crollare quel tabù che dura ormai dal 2006. El Shaarawy non convocato

Milan, a Parma per i 3 punti e per sfatare un tabù
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Milan di Inzaghi, impegnato nel posticipo di domenica sera contro il Parma, non è chiamato solo a vincere ma soprattutto a convincere. E’ dal lontano 2006, infatti, che i rossoneri non vincono le prime 2 giornate di campionato.

Torres mila parma

Torres partirà probabilmente dalla panchina ne match Milan – Parma

CORSI E RICORSI – Neanche a farlo apposta, quando il caso, o forse il destino, ci si mette, anche nel 2006 le prime 2 giornate di campionato videro il Milan fronteggiare prima la Lazio e poi il Parma. Scontato dire che la squadra era totalmente diversa rispetto a quella attuale, anche se concluse il campionato al quarto posto, accontentandosi però della Champions (vittoria e vendetta sul Liverpool per 2 a 1). L’unico comun denominatore è proprio Inzaghi (a segno nel 2006 contro la Lazio): gran parte delle responsabilità sono tutte su di lui, sperando che possa trascinare il Milan alla seconda vittoria in campionato, sfatando quindi l’odiato tabù e riportando entusiasmo in tutto l’ambiente. In più, se non dovesse bastare l’entusiasmo del neo-allenatore, Berlusconi ha ricominciato le visite pre-campionato a Milanello (quarto venerdì di fila per lui al centro d’allenamento rossonero).

POCHI DUBBI – L’impresa non è però facile per il Milan, dato che il Parma riuscì a timbrare il cartellino dei 3 punti sia all’andata che al ritorno nello scorso campionato. Per non parlare poi del ritorno in campo di Cassano con i gialloblu, che lo scorso anno si dimostrò poco clemente con la sua ex-squadra, segnando 3 reti in 2 incontri.  Milan che ripartirà da 2 titolari sicuri, ovvero Alex e Honda. Sul giapponese Inzaghi ha infatti espresso tutta la sua stima in conferenza stampa: “è’ un giocatore esemplare, sempre il primo ad arrivare agli allenamenti e credo si alleni anche a casa. Ora ha pienamente recuperato dai viaggi e penso che andrà in campo”. Niente da fare invece per El Shaarawy, che rimarrà a casa dato il problema alla caviglia.

Poche le chance di vedere dal primo minuto Torres in campo: “mi ha impressionato, ma non so se sarà titolare”. Possibile quindi che Inzaghi decida di farlo subentrare nel secondo tempo, cosi come potrebbe accadere per Van Ginkel. Niente maglia da titolare neppure per Rami, anche se il tecnico ha tenuto a sottolineare che il francese è un giocatore importante nel suoi piani.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *