Maria Paola Maisto
No Comments

Tradimento, dubbio perenne: prendere o lasciare?

Alla base di un qualsiasi rapporto vi è una fiducia reciproca, quando questa viene a mancare parliamo di tradimento.

Tradimento, dubbio perenne: prendere o lasciare?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Il tradimento è per chi non è in grado di amare se stesso

Il tradimento è per chi non è in grado di amare se stesso

Alla base di un qualsiasi rapporto, che sia d’amore o di amicizia, vi è una fiducia reciproca, si instaura tra le due parti una sorta di patto, quando questo viene a mancare parliamo di tradimento; non avviene solo in ambito sentimentale ma anche in amicizia tra due amici, in famiglia tra due fratelli oppure tra genitori e figli. L’essere umano avverte un senso di vuoto come se si sentisse sfrattato da una casa in cui aveva riposto le cose a lui più care, quando ciò avviene si ha la speranza che nessuno possa riuscire ad abitarci.

PERCHE’ SI TRADISCE? –  La persona che attua questo comportamento molto spesso lo fa perché non si sente più apprezzata e amata dalla persona che è al suo fianco, si sente trascurata e va alla ricerca di quei piccoli dettagli che in quel momento è in grado di dargli una persona estranea, non sono altro che momenti di debolezza. Alcuni non riescono a fronteggiare tale questione e abbandonano il campo, in quanto per loro è inconcepibile il tradimento perché se si ha avuto la necessità di stare insieme ad un’altra persona significa che l’amore che prova verso il proprio partner non è sufficiente per continuare la relazione e la tronca del tutto; altri invece superano la cosa, a volte la coppia si rafforza ma accade anche che questo superamento danneggia la persona rendendola schiava. In ambito sentimentale quando ciò avviene nella maggior parte dei casi si tende ad accettare la situazione e ad andare oltre, ma ciò avviene per il troppo bene o perchè si ha paura di restare soli e non essere in grado di affrontare la vita? La risposta la troviamo solo dentro di noi, perché ciò che avviene nella nostra mente è inspiegabile, i meccanismi che essa attua non sono decifrabili, l’essere umano è contorto.

Bisogna andare o restare?

 

Maria Paola Maisto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *