Davide Luciani
No Comments

Serie A, i nuovi arrivi: Mussis al Genoa

Prosegue la rubrica di SportCafe24 dedicata ai nuovi arrivi in Serie A: vi presentiamo Franco Mussis del Genoa

Serie A, i nuovi arrivi: Mussis al Genoa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Mussis, neo centrocampista del Genoa

Mussis, neo centrocampista del Genoa

Franco Mussis è l’ennesimo centrale di centrocampo preso dal Genoa in questa campagna estiva. L’argentino, classe 1992, proviene dal Copenaghen, club dove ha vissuto un’esperienza lampo: appena sei mesi. A causa di problemi di ambientamento, infatti, il club danese lo ha ceduto in prestito al Genoa.

CARRIERA – Cresciuto nel Gimnasia la Plata, debutta in prima squadra nella stagione 2011/2012. Già in quella successiva è un titolare fisso e guida i compagni alla promozione in serie A. Nella massima serie argentina ottiene un quarto posto con la squadra nel Torneo Final (ex Clausura) chiudendo con 35 presenze e 2 reti la sua annata. Nel gennaio di quest’anno passa prima al Copenaghen, che poi, in agosto, lo cede al Genoa, come già raccontato.

PUNTI DI FORZA – Mussis è un centrocampista di grande impatto fisico, molto bravo a recuperare palla e con una discreta visione di gioco. Nel 3-4-3 di Gasperini potrebbe fungere da regista della squadra e, contemporaneamente dare una mano in fase di non possesso. Giocatore dinamico, può ricoprire anche il ruolo di ala all’occorrenza. E’ uno di quei calciatori molto generosi che danno tutto per la maglia e che piacciono tanto ai tifosi.

PUNTI DEBOLI – Mussis non ha un piede particolarmente “educato”. La fase tecnica è grezza e su questo Gasperini dovrà lavorare. Inoltre, pur aveno un buon senso dell’inserimento, è un’arma che sfrutta pochissimo. Deve quindi imparare ad essere più propositivo e più presente nella fase offensiva di gioco, dato che, quella difensiva, la svolge molto bene.

GIUDIZIO FINALE – Mussis ha delle qualità, ma le sue possibilità di giocare sono scarse. Nel Genoa, infatti, ci sono cinque centrali (Greco, Bertolacci, Sturaro, Rincon e Kucka, anche se quest’ultimo è spesso usato come ala) oltre a lui. Questo significa che, se non entra velocemente nelle grazie di Gasperini, rischia una stagione ai margini. Non il massimo per un ragazzo di 22 anni.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *