Davide Luciani
No Comments

Serie A, i nuovi arrivi: Stefan de Vrij alla Lazio

Prosegue la rubrica dedicata ai nuovi arrivi in Serie A: è il turno di de Vrij nuovo colpo della Lazio

Serie A, i nuovi arrivi: Stefan de Vrij alla Lazio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Stefan De Vrij, il colpo di mercato della Lazio

Stefan De Vrij, il colpo di mercato della Lazio

Stefan de Vrij è stato la risposta biancoceleste allo “scippo”  di Astori da parte della Roma. Il difensore olandese ha grandi potenzialità e molti pensano possa diventare uno dei migliori centrali d’Europa. de Vrij è stato uno dei grandi protagonisti dell’ultimo mondiale dell’Olanda con cui ha disputato 7 gare da titolare con un gol, alla Spagna. Con il suo ingaggio la squadra di Pioli aumenta di molto il tasso qualitativo della retroguardia.


LA CARRIERA – De Vrij 
inizia a giocare a calcio nei dilettanti del VV Spirit. A 10 anni, dopo un provino con il Feyenoord, passa alla squadra di Rotterdam. Qui comincia l’evoluzione di de Vrij. Inizialmente, infatti, giocava come centrocampista, ma, proprio nel settore giovanile biancorosso, viene arretrato nel ruolo di difensore centrale. Il 17 luglio 2009 firma il suo primo contratto da professionista e due mesi e sette giorni dopo, debutta in prima squadra in Coppa d’Olanda contro l’Harkemase Boys. Il 6 dicembre dello stesso anno debutta anche in campionato contro il Groningen. Da qui in poi inizia la scalata di de Vrij. Dalla stagione 2010/2011, diventa infatti titolare fisso. Le sue ottime prestazioni convincono Van Gaal a farlo debuttare in nazionale il 15 agosto 2012 in un amichevole contro il Belgio. Il resto è storia recente.

PUNTI DI FORZA – De Vrij è un centrale difensivo dotato di fisico e tecnica. Ha piedi “educati” e non è rado vederlo iniziare l’azione offensiva. Inoltre,  di testa è insuperabile e non disdegna le sortite offensive. In fase difensiva, la sua arma migliore è l’anticipo: i suoi interventi risultano sempre puliti ed efficaci. Tra le sue doti va aggiunta anche la personalità: a 22 anni vanta già 135 presenze in Eredeivisie e 19 in nazionale. Questo la dice lunga sulla sua maturità calcistica. La Lazio, con lui, può dormire sonni tranquilli.

PUNTI DEBOLI – Il difetto più grande di de Vrij è il fatto di non essere particolarmente veloce, anche a causa di un fisico importante. Questo difetto si è notato contro il Milan, dove, le accelerazioni dei vari El Shaarawi, Menez e Honda lo hanno mandato in tilt, facendogli fare la figura del dilettante. Le sue difficoltà, nella gara contro i rossoneri, sono state spiegate, da parte dello stesso giocatore, anche con l’incapacità di comunicare con i compagni, ma è chiaro che la sua lentezza è il difetto da correggere maggiormente. Per il resto, il mondiale ha presentato un ragazzo molto maturo. Anche l’attenzione nell’arco dei novanta minuti, che gli faceva difetto ad inizio carriera, pare essere sparita.

GIUDIZIO FINALE – De Vrij è un grande colpo per la Lazio di Pioli, ma deve maturare ancora. Pioli dovrà lavorare molto, soprattutto sulla capacità di posizionamento del ragazzo, proprio per sopperire alla mancanza di scatto dell’olandese. Quello dell’ex Feyenoord rimane comunque uno dei colpi migliori in prospettiva di questo mercato. Siamo certi che de Vrij sarà uno dei protagonisti della serie A.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *