Vincenzo Galdieri
No Comments

Amori, prigioni e tormenti. Guarin, ora la verità

Il colombiano riparte con dichiarazioni al miele: "Felice di essere rimasto". Ma dopo essere stato nel limbo per più di un anno, ora è necessaria una svolta

Amori, prigioni e tormenti. Guarin, ora la verità
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Guarin in gol contro il Trapani

Guarin, rimasto all’Inter dopo un anno di ghirigori in chiave calciomercato: ora deve dimostrare a tutti di essere un big

Ha quella faccia un po’ cosi, Fredy Guarin. Un po’ da sbruffoncello, un po’ da simpaticone. E un po’ molto da chi non ha ancora capito l’effettivo potenziale a sua disposizione. E’ stato nel limbo per un anno, praticamente. Con cambi di marcia repentini, sia in campo che fuori. Tutti avrebbero scommesso che alla fine avrebbe lasciato l’Inter. Non è successo. La liason con la Juventus aveva aperto la strada: Guarin via dall’Inter, sembrava l’unica soluzione possibile. Soprattutto dopo dichiarazioni al vetriolo e bizze varie: apparentemente pronto a tutto pur di cambiare aria, Fredy. Ma poi ecco di nuovo la svolta: rinnovo di contratto, amore eterno giurato all’Inter, anche qualche buona partita a suggellare il tutto. 

Ma il quadro non era chiaro. Secondo molti Guarin all’Inter si sentiva come imprigionato: una prigione dorata, certo. Ma anche sul web impazzavano link e parodie, all’urlo di FreeGuarin. In estate ripartono tiritere, tarantelle e tormenti. Guarin accostato a chiunque, evidentemente fuori progetto nella nuova Inter di Mazzarri. E non per limiti tecnici, ovvio. Vicino al Valencia, allo Zenit, al Manchester United, di nuovo alla Juve. L’Inter nel frattempo gioca bene e convince, senza di lui. Se va via, arriva Lavezzi. Ma Guarin non va via, di nuovo. Rimane a Milano. Controvoglia o meno non lo sapremo mai, ma un’idea ce la siamo fatta. Ed ecco le nuove dichiarazioni d’amore: “Felice di essere rimasto qua”. Baila Guaro.

ORA LA VERITA’ – Fatto sta che Guarin è ancora li, con la maglia nerazzurra. E quand’anche non ne fosse contento, deve mettersi in testa che questa stagione può e deve rappresentare la svolta di una carriera che fino ad oggi gli ha dato molto meno di quello che poteva avere e pretendere. Guarin potrebbe essere un top player assoluto, ma è troppo schiavo dei suoi umori. Ai tempi del Porto sembrava un potenziale fenomeno. Eclettico come pochi, sapeva fare qualunque cosa: esterno, regista, mediano, trequartista. Con profitto, poi. Un possibile Vidal 2, mettiamola cosi. E gli incroci con Vidal non finiscono qua: se Arturo avesse lasciato la Juve, lui ne avrebbe preso il posto. Ma ora non è più tempo di rimuginare sul passato. Non servono più bizze, tormenti, rimorsi e rimpianti. Guarin deve prendersi l’Inter di prepotenza, con l’esplosività che lo contraddistingue in campo nei giorni migliori. Guarin deve convincere tutti, ed in primis se’ stesso, che può e deve essere quello che in molti si aspettano da lui: un centrocampista di livello mondiale. Quando prenderà coscienza del fatto che ha la forza per essere un grandissimo a prescindere da maglie, luoghi e collocazioni in campo, uscirà dal limbo. Svaniranno i tormenti, le prigioni mentali non saranno più prigioni. Ed anche l’amore che ad intervalli irregolari predica nei confronti dell’Inter, sembrerà un po’ più vero.

Vincenzo Galdieri – Twitter: @Vince_Galdieri 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *