Antonio Fioretto
No Comments

Genoa, tutti ti vogliono: Preziosi tra albanesi e cinesi

Le aziende italiane cedono all'estero e quelle calcistiche non sono da meno: è il momento del Genoa di Preziosi, pronto ad aprire a investitori stranieri

Genoa, tutti ti vogliono: Preziosi tra albanesi e cinesi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Uno dei club più blasonati della nostra Serie A, il Genoa, potrebbe presto cambiare organigramma societario. In che dosi e in che modo, solo il tempo potrà dircelo. Quel che è certo è che il presidente Preziosi è diviso tra due offerte, una piuttosto concreta, l’altra ferma a un punto verbale. Da un lato, ci sono i cinesi della Ocean Gold Global, che hanno presentato un’offerta da 60 milioni di euro, 20 dei quali destinati all’ acquisizione del 38 % delle quote societarie e 40 dei quali da spendere per il risanamento dei debiti della Giochi Preziosi. Dall’ altro lato, c’è il petroliere e imprenditore albanese Rezart Taci, che ha incontrato Preziosi per capire i margini di acquisizione e le eventuali richieste rossoblu.

Il tutto non può non essere collegato al momento dell’economia italiana. Sempre più aziende, infatti, stanno passando nelle mani di imprenditori o società straniere. La Ferrero, la Barilla, la Parmalat, l’Algida, la Plasmon, la Buitoni e la Peroni sono solo alcuni dei centinaia di esempi.  Il Made in Italy è sempre meno tale e, di conseguenza, le società calcistiche si adeguano. Ha inizato l’Inter, con Thohir. Ora potrebbe toccare proprio al Genoa. Cosa farà Preziosi?

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *