Jacopo Rosin
No Comments

Serie A, i nuovi arrivi: Carbonero al Cesena

Il colombiano Carlos Carbonero arriva in Italia dopo aver vestito la maglia del River Plate: dalla lotta per il titolo a quella per non retrocedere con il Cesena

Serie A, i nuovi arrivi: Carbonero al Cesena
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

28 agosto 2014: il Cesena annuncia l’arrivo del colombiano Carlos Carbonero; vestirà la maglia numero 7. In molti potrebbero aver pensato al solito sudamericano in cerca di fortuna nel calcio europeo, ma Carbonero la fortuna l’aveva già trovata. Il club bianconero si porta a casa un giocatore tutto da scoprire quanto da gustare; i numeri ci sono così come le premesse per una piacevole sorpresa.

Carbonero con la maglia de los Cafeteros agli ultimi Mondiali in Brasile

Carbonero con la maglia de los Cafeteros agli ultimi Mondiali in Brasile

QUESTIONE DI CURRICULUM – Il nuovo acquisto della Serie A arriva con un biglietto da visita di tutto rispetto, non solo perchè non proviene da qualche piccolo club sconosciuto nei meandri del continente, bensì dal glorioso e celebrato River Plate, ma anche perchè con il club di Buenos Aires si è laureato campione d’Argentina nello scorso Torneo de Clausura, vincendo poi la finalissima contro il San Lorenzo, detentore del Titolo de Apertura e fresco Campione in Libertadores. I trionfi de los Millionarios Carbonero li ha vissuti da protagonista e non da semplice gregario (36 presenze e 8 goal). Per chi non lo conoscesse, sul curriculum di Carlos Carbonero è scritto che il classe 1990 è un esterno d’attacco molto duttile, può disimpegnarsi sia nel reparto offensivo che a centrocampo – anche come interno – forte fisicamente e dotato di un buonissimo dribbling. Segni particolari: ottimo tiro dalla distanza e grande lottatore. Referenze: Walter Sabatini, una garanzia. L’affare Carbonero, infatti, è stato condotto dal Cesena in collaborazione con la Roma, dietro l’occhio attento e sapiente del DS giallorosso, protagonista dell’ultimo mercato, uno che di giovani talenti ne capisce eccome. Dalla lotta al titolo a quella per non retrocedere, ma Carbonero è tranquillo: “Sia che si giochi per il titolo che per la permanenza in categoria in campo bisogna sempre lottare. Io sono pronto a fare il possibile per rimanere in serie A”.

ESPERIENZE – Prodotto del vivaio dell’Academia Fútbol Club, Carbonero transita nel 2010 dall’Atlético Huila, ma è già sul taqquino del ben più celebre Once Caldas, che lo acquista nel gennaio del 2011. Con la maglia bianco-blu de los Albos gli bastano 29 presenze per attirare l’attenzione dei club argentini, Estudiantes su tutte. Carbonero paga inizialmente il cambio di vita e con los Pincharratas non si ambienta e viene ceduto all’Arsenal de Sarandì, realtà importante ma meno celebrata. Per Carbonero è la dimensione giusta e le sue doti iniziano ad emergere, tanto da diventare uno dei nomi di punta sulla lista dei desideri del nuovo River Plate, a caccia di successi dopo l’incubo della retrocessione. Prestito e riscatto esercitato a 400mila Euro fanno di Carbonero a tutti gli effetti un nuovo giocatore de los Millionarios che punta al titolo. Carbonero si dimostra pronto e arriva la consacrazione e la maglia della Nazionale colombiana con la quale ha giocato i Mondiali in Brasile. Il Cesena sceglie lui per rimanere in Serie A e ora spetta a Carbonero battere la concorrenza di Brienza e Defrel per affermarsi in campo e in Serie A, con l’obiettivo di seguire le orme di quei giocatori provenienti dal River diventati poi grandi in Italia.

Jacopo Rosin (@JacopoRosin)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *