Enrico Cunego
No Comments

Fiba World Cup, quarti: Team USA spazza via la Slovenia

La nazionale a stelle e strisce asfalta i malcapitati sloveni 119-76, grazie al solito Davis e ad un ritrovato Rose. Nell'altra gara di giornata la Lituania elimina la Turchia

Fiba World Cup, quarti: Team USA spazza via la Slovenia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Grazie ad un ottimo terzo quarto gli USA eliminano la Slovenia  dalla Fiba World Cup , approdando così in semifinale dove affronteranno una Lituania reduce dall’eliminazione della Turchia avvenuta nel pomeriggio. Ecco la sintesi firmata SportCafe24 della gara di Team USA.

USA – SLOVENIA 116-76

Inizio molto serrato di gara con gli europei che guidati dai fratelli Dragic tengono testa a Rose e soci. Sull’8-8 Irving mette una tripla che segna il primo fondamentale scatto degli statunitensi, che grazie ai pesantissimi canestri di Klay Thompson e DeMarcus Cousins tengono lontani i balcanici, dove si evidenzia un ottimo Lovrek che mette

13 punti per Goran Dragic, ma non basta: la Slovenia è fuori

13 punti per Goran Dragic, ma non basta: la Slovenia è fuori

a segno due triple nella prima parte di quarto. Parziale che si chiude sul 29-22. Nel secondo quarto team USA  cerca di scappare nel punteggio, ed è ancora Irving con una bella penetrazione e mandare i suoi sul +12. Ma i fratelli Dragic, autentiche stelle della squadra est-europea, tengono a galla i propri compagni, riuscendo a riportare al 42-49, e quindi a -7, lo svantaggio sloveno. Il terzo quarto è quello che decide la gara in favore dei campioni NBA: Anthony Davis trascina i suoi con giocate decisive che “spaccano” letteralmente l’incontro: dall’altra parte le triple di Goran Dragic non servono a nulla, perchè si sveglia anche James Harden, che dopo un imbarazzante 0/99 al tiro si sveglia mandando a segno tre triple che mandano definitivamente ko gli europei: 64-86 a fine terzo parziale. L’ultimo periodo di gara sancisce solamente l’enorme superiorità degli americani, che concedono solo 12 punti agli avversari mettendone a referto 33 per un sensazionale +39 punti di distacco a fine gara. Il “garbage-time” serve solamente a Klay Thompson che si laurea miglior realizzatore della gara con 20 punti, mentre coach Mike Krzyzewski manda in campo tutto il roster a propria disposizione, concedendo minutaggio e punti anche a riserve come Mason Plumlee ed Andrè Drummond. Ottima anche la gara di un sempre più decisivo Kenneth Faried autore di 14 punti e ben 10 rimbalzi. Per la Slovenia qui un ottimo mondiale concluso però in maniera malinconica: nonostante le speranza di un’intera nazione team USA ha letteralmente asfaltato la “banda” dei fratelli Dragic.

TABELLINO

Slovenia: Balazic (9 punti), Zupan (2), G. Dragic (13), Z. Dragic (11), Lorbek (12)- quintetto titolare- Slokar (7), Nikolic (0), Prepelic (9), Muric (6), Blazic (0),Klobucar (3), Omic (4)

Usa: Thompson (20 punti), Faried (14), Irving (12), Harden (14), Davis (13)- quintetto titolare- Curry (6), Rose (12), Gay (7), Derozan (6), Plumlee (4), Cousins (9), Drummond (2)

TOP E FLOP 

Kenneth Faried (TOP): sempre più pedina fondamentale di questo team USA. Mostruoso a rimbalzo e sempre pronto a lottare come un leone, grazie ai 14 punti ed i 10 rimbalzi messi assieme si aggiudica il premio di MVP

Anthony Davis (TOP): ormai il passo per trasformarsi da promessa del Draft a fuoriclasse NBA è compiuto. Altra grande prova con azioni che mandano in tilt completo la difesa slava

Klay Thompson (TOP): per chi lo considerava semplice spalla di Stephen Curry: il ragazzo se la cava anche da solo e con risultati non proprio malaccio: 20 punti, 3 rimbalzi, 2 assist, top scorer della gara ed altra grande prestazione

Zoran Dragic (FLOP): il fratello minore di Goran parte bene tenendo a galla i suoi ma gli ultimi due quarti ne segnano la sparizione: chiude con un 4/12 al tiro ed assiste impotente al dominio americano

LITUANIA-TURCHIA 73-61

Dopo il successo col brivido sull’Australia, la Turchia di Ataman è costretta ad arrendersi nei confronti della Lituania. Dopo un primo quarto favorevole ai turchi (13-18), i baltici si scatenano nella seconda frazione, grazie anche all’ottima prova di Valanciunas e Seibutis. Nel terzo quarto regna l’equilibrio, mentre negli ultimi 10′ i lituani danno l’ultima accelerata al match, conducendolo in porto nonostante l’ottima prova di Gonlum, arrivato a un passo dalla doppia doppia.

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *