Antonio Scali
No Comments

Francia, Platini minaccia Ribery dopo l’addio alla nazionale

Platini tuona contro il ritiro di Ribery dalla nazionale francese. Il calciatore francese rischia uno stop di tre turni con il Bayern

Francia, Platini minaccia Ribery dopo l’addio alla nazionale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Franck Ribery con la maglia della Francia.

Franck Ribery con la maglia della Francia.

Aveva dato l’addio alla nazionale francese lo scorso agosto, ma adesso Frank Ribery rischia una squalifica. Una decisione comunicata dopo la sconfitta in Supercoppa tedesca contro il Dortmund e che si va ad aggiungere ai  recenti ritiri di altri nomi eccellenti come Lahm, Xavi, Klose e Gerrard. Una scelta che però potrebbe costare cara al francese e anche al suo club, il Bayern Monaco. Da quanto si legge sul quotidiano tedesco Bild in un’intervista al presidente dell’Uefa Platini, un calciatore non può rifiutare la convocazione del proprio ct, pena una sanzione che coinvolge anche il club di appartenenza: “Non decidono i giocatori, ma i commissari tecnici e quindi se Ribery dovesse rifiutare una chiamata di Deschamps incorrerebbe nelle sanzioni prescritte dalla Fifa”. Nello specifico si legge all’articolo 3 comma 1 dell’allegato 1  del regolamento Fifa che “qualsiasi calciatore tesserato per una società ha l’obbligo di rispondere affermativamente ad una convocazione che gli viene notificata dalla Associazione nazionale alla quale appartiene”.

Un eventuale rifiuto potrebbe portare anche a tre turni di squalifica, da scontare ovviamente con la maglia del Bayern. A non convincere Monsieur Platini vi è anche la motivazione del ritiro addotta dal calciatore, vale a dire la necessità di passare più tempo in famiglia. Tesi troppo debole per un campione del suo livello, ancor più considerando che i prossimi Europei del 2016 si disputeranno proprio in Francia.

Non si fa attendere la risposta del Bayern per bocca di Karl-Heinz Rummenigge, amministratore delegato del Bayern Monaco: “Ribery non sarà più convocato in Nazionale. Tutto è stato fatto in ordine e conformemente alle regole della Fifa.” E prende ad esempio il caso di Lahm: ” Come Lahm ha parlato del suo ritiro con il c.t. Joachim Loew, Franck Ribery ha fatto con Deschamps. Non sarà più convocato in Nazionale”.

Antonio Scali

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *